Gruppo Feltrinelli, esito incontro 09/10/2017

Roma, 20 ottobre 2017

In allegato rimettiamo i verbali sottoscritti con il Gruppo Feltrinelli per mantenere l’intervento straordinario di integrazione salariale con causale solidarietà dei dipendenti di Librerie Feltrinelli, Finlibri e Librerie delle Stazioni. I CdS sottoscritti decorreranno dal 1 novembre 2017 fino al 23 settembre 2018.
Per Librerie Feltrinelli sono interessati 21 PdV per 511 lavoratori, con una percentuale di riduzione oraria dal 20% al 48% (quest’ultima percentuale è prevista per la sola piazza di Roma nell’ipotesi più grave di mancato rinnovo del contratto di affitto del PdV di Colonna).
Per Finlibri: sono interessati gli 8 lavoratori presenti nel PdV di Casalecchio con una percentuale massima del 23%.
Per Librerie delle Stazioni: sono interessati 10 lavoratori presenti nel PdV di Fiumicino con una percentuale massima del 32,50%.
Tale riduzione oraria assorbe, per la vigenza del CdS, gli 85 esuberi dichiarati.
Al fine di traguardare alla scadenza dei contratti di solidarietà il pieno assorbimento degli esuberi dichiarati, nei documenti sottoscritti la Società si impegna a proseguire nelle azioni di razionalizzazione dei costi gestibili e a mantenere il piano di investimenti avviato per il biennio 2017-2018 a sostegno della politica di sviluppo, attraverso nuove aperture di negozi in formato RED, l’apertura della Fondazione Feltrinelli, il lancio del sistema gestionale SAP, la rivisitazione dei reparti di Arte e Fumetto, l’attivazione di partnership per il commercio interaziendale. Su quest’ultimo punto la Società ha informato della costituenda joint venture con Messaggerie e IBS per la gestione di una piattaforma di vendita online di prodotti editoriali, sulla quale si attende il via libera dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
Il capitolo delle relazioni sindacali è stato rafforzato prevedendo incontri trimestrali con RSA/RSU e/o OO.SS. territoriali sulla OdL, per un confronto costante su tutte le leve organizzative, ampiamente dettagliate, in grado di recuperare produttività ed efficienza, e, conseguentemente, fatturato e tutela dell’occupazione. Resta confermata la verifica nazionale a fine giugno 2018.
Per favorire il riequilibrio occupazionale è stato concordato un piano di sostegno alla ricollocazione volontaria verso altre piazze e/o in postazioni all’interno della propria società o in altre società del Gruppo, compatibili con le competenze acquisite o acquisibili attraverso iniziative di formazione condivisa, ivi compreso il training on the job. Per favorirne una adeguata valutazione, verrà data capillare informazione a tutti i dipendenti delle esigenze organizzative e delle conseguenti opportunità che verranno a crearsi. In aggiunta alle misure di sostegno in caso di trasferimenti volontari su altre ragioni sociali all’interno del Gruppo, verranno mantenute l’anzianità di servizio maturata, la parità economica ed anche le norme di protezione previste all’atto dell’assunzione e precedenti al job act.
Per la durata del rinnovo del patto di solidarietà la società garantisce disponibilità a favorire dimissioni incentivate e riduzioni orarie su base volontaria.
Per lo stesso periodo viene inoltre confermata la vigenza del CIA sottoscritto il 27.04.2012, in virtù dell’ultravigenza prevista.

p. Filcams Cgil Nazionale
Concetta Di Francesco