Grande distribuzione: il supermarket parla straniero

07/01/2004


LUNEDÌ 29 DICEMBRE 2003

1- Il supermarket parla straniero

2- Fininvest, Benetton, Agnelli così hanno mollato i big italiani 
3- Benoit Lheureux (Auchan)
4- Vincenzo Tassinari (Coop)
Pagina 14 – Economia
 
 
GRANDE DISTRIBUZIONE
L´alimentare dipende ormai per due terzi dall´estero
Il supermarket parla straniero e in tavola addio made in Italy
          La metà di carne e latte da Francia e Germania. Allarme per frutta, formaggi, yogurt e salumi
          Da Auchan a Carrefour, da Metro a Rewe, le grandi catene francesi e tedesche puntano al primato
          Sos di Coldiretti: è in corso un processo di espulsione della merce italiana. Posti a rischio

          FABIO BOGO


          ROMA – La diga ha ceduto quasi completamente, il made in Italy rischia, e ora forse ancora di più dopo il crac Parmalat. Il 45% del latte che consumiamo arriva da Francia e Germania, il 50% della carne bovina sui banchi dei supermercati è – ancora – tedesca o francese, il 40% di quella suina proviene da oltralpe (Baviera e Olanda), Germania e Usa monopolizzano il mercato del grano, fornendoci il 60% della materia prima usata per pasta, pane e biscotti. E il cavallo di Troia per l?invasione sembra essere la grande distribuzione estera che, silenziosamente ha colonizzato a macchia di leopardo il territorio, facendo dell´Italia un paese che nell´alimentare dipende ormai per il 65% dalle maxi-catene straniere.
          I numeri delle quote di mercato per centrali di acquisto sono quelli di una resa pressocchè totale. Negli ipermercati e supermercati leader è tornata la Coop, che grazie ad un accordo siglato due settimane fa con la piccola Sigma, pesa sul totale della spesa per il 19,6%. Ma sotto il precario primato del polo italiano batte bandiera straniera: Rinascente e Intermedia, con il marchio francese Auchan, controllano il 17,4% del mercato; Gs-Carrefour (ancora Francia) il 15,6%; Interdis e Me.ca.des, sotto l´insegna tedesca della Metro, sono solidi al 14%; Conad ha stretto un accordo con il gigante francese Leclerc e staziona sul 9,2%; la Rewe Italia, filiale del colosso germanico, ha il 2,3%. In mezzo a loro resiste (ma chissà per quanto) un polo italiano indipendente costituito da Esselunga (famiglia Caprotti), Selex e Agorà, che stoicamente "tiene" quota 16,4%.
          "L´Italia è terra di conquista in un settore strategico come quello alimentare – avvertono dal quartier generale della Coop, il colosso cooperativo italiano che da una decina di anni si è lanciato negli ipermercati – e bisogna stare attenti, perché la grande distribuzione non è neutrale nelle scelte. A parità o con lieve differenza di prezzo si tende a privilegiare i propri bacini produttivi nazionali: e così sugli scaffali, oltre a carne, latte e farina, si vedranno sempre più prodotti stranieri, dagli ortaggi ai succhi di frutta". Arance, zucchero e formaggi-base francesi; yogurt, salami e patate tedesche: il tricolore si ritira dai prodotti generici E a pagarne le spese, alla fine, sono i produttori italiani, che , privi di un sistema moderno che consente lo sfogo dell´export, si trovano le porte chiuse anche sul mercato nazionale. "Ci sono migliaia di posti a rischio se non si interviene – avvertono ancora i tecnici della Coop – perché la filiera italiana è fragile". Ma rischia anche la dinamica dell´inflazione. "Una volta preso il controllo della distribuzione – dicono – chi garantisce che l´extra profitto dei produttori non venga scaricato sugli scaffali di un paese terzo?"
          L´allarme della residua grande distribuzione nazionale è condiviso dalla Coldiretti, l´organizzazione dei produttori agricoli. "Stiamo facendo un censimento dei consumi – spiegano – e la sensazione è che il processo di espulsione della merce italiana sia in corso. E anche che vengano spacciati o mascherati per italiani prodotti che tali non sono: la materia d´origine non è roba di casa nostra". Per Paolo Bedoni, presidente di Coldiretti, l´unica difesa possibile a monte è l´incentivazione del marchio "made in Italy". "Bisogna collegare la filiera della produzione agricola a quella distributiva – dice – e rafforzare l´obbligo dell´indicazione di provenienza su tutta la merce, non solo sui prodotti doc o dop. Il prodotto deve essere strettamente legato al territorio, perché il "made in Italy"è un nome vincente, la gente lo riconosce e lo vuole. Solo così potremo salvare posti di lavoro e , grazie alla trasparenza e alla tutela della qualità, rafforzare un settore strategico"
 
 
Pagina 15 – Economia
 
 
IL CASO
Standa, Gs e in parte Rinascente: ecco come è finito l´impegno della nostra grande industria nella distribuzione

Fininvest, Benetton, Agnelli così hanno mollato
i big italiani
          Il colosso Usa Wal-Mart potrebbe ora tentare lo sbarco
          Nel settore gli stranieri superano largamente il 50%. I casi di Spagna, Portogallo e Grecia

          ETTORE LIVINI

          MILANO – Ha mollato (senza troppa gloria) la Fininvest. Si sono defilati (in cambio di un congruo assegno) Benetton e Del Vecchio. Persino la famiglia Agnelli, secondo molti, potrebbe procedere in tempi nemmeno troppo lunghi all´addio a La Rinascente. Negli ultimi dieci anni la grande distribuzione italiana ha cambiato volto. Non solo per il boom degli iper-mercati ma soprattutto per l´"invasione" dei big stranieri. Che poco alla volta, soprattutto nella grandissima distribuzione, sono arrivati a superare largamente il 50% del mercato di casa nostra.
          Il fenomeno, a dire il vero, è comune ad altri paesi europei. Negli ultimi anni anche in Spagna, Grecia e Portogallo gli operatori locali hanno ceduto il passo ai gruppi esteri nell´ambito del processo di consolidamento del settore che interessa tutto il Vecchio continente. Dove si è formato un Olimpo di giganti circoscritto a gruppi francesi, inglesi e tedeschi, con l´aggiunta dell´olandese Ahold. La particolarità italiana è che a passare la mano sono stati alcuni dei grandi protagonisti della finanza nazionale, che pure avevano in teoria la strada spianata per creare un vero campione di casa nostra. I primi a cedere sono stati gli Agnelli: nel ´97 hanno aperto il capitale della Rinascente ai francesi di Auchan (un gruppo familiare che si divide gli utili ogni anno in una festa campestre estiva). Il colosso parigino poco alla volta ha fatto salire la sua partecipazione e secondo molti tra breve potrebbe conquistare il controllo del gruppo, magari cedendo i marchi che meno gli interessano.
          La grande distribuzione è anche il teatro di uno dei pochi flop industriali della famiglia Berlusconi. La Fininvest ha tentato per anni di rilanciare la Standa, ma poi ha deciso di farsi da parte. Girando a Gs l´Euromercato e poi, attraverso l´interregno di Franchini, girando nel 2000 la divisione alimentare della "casa degli italiani", per ironia della sorte, ai tedeschi della Rewe. Quella dei Benetton e di Del Vecchio nel settore è stata invece un´avventura quasi lampo. Iniziata a fine ´94 con l´acquisizione della Gs nell´ambito della privatizzazione e chiusa sei anni dopo con la cessione a Promodes-Carrefour dell´azienda, con una lauta plusvalenza.
          Dal 2000 l´invasione si è in apparenza fermata: non tanto perché manchino gli acquirenti, ma piuttosto per la latitanza di possibili prede. Il valzer di fusioni e acquisizioni a livello mondiale nel mondo di super e ipermercati non si è infatti mai arrestato. Negli ultimi mesi non appena l´inglese Safeway ha annunciato di essere oggetto di un´Opa sono piovute offerte da ogni angolo del mondo, con il governo inglese sceso in campo per "pilotare" il successo della proposta made in England. In prima fila per l´acquisizione c´era l´americana Wal-Mart, primo dei colossi a stelle e strisce a tentare l´avventura europea. E secondo molti osservatori proprio Wal-Mart potrebbe prima o poi cercare di mettere un piede anche sul mercato italiano.

 
 
Pagina 15 – Economia
 
 
LA DIFESA
Benoit Lheureux (Auchan)

"L´invasione? Non esiste"
          Il vostro non è affatto un mercato facile


          ROMA – L´Italia terreno di conquista per i gruppi alimentari stranieri? Semmai di «collaborazione e di investimento» in «un mercato interessante e dalle grandi potenzialità, anche se ancora ingessato da troppi vincoli». Per Benoit Lheureux, amministratore delegato del settore alimentare di Auchan Rinascente, i nodi da sciogliere non sono legati al timore di un´invasione di merci estere negli ipermercati. Ma «ai 25 anni di ritardo» che hanno allungato le distanze da paesi come la Francia, dove la grande distribuzione ha libertà d´azione. Dove i centri commerciali aprono senza attendere anni e dove il mondo del lavoro mostra «grande flessibilità».
          Come spiega l´interesse di gruppi alimentari europei a catene italiane?
          «Guardi che quello italiano non è un mercato facile: pesano i costi, e le tasse che soffocano gli investimenti. Nonostante tutto siamo in presenza di un mercato moderno, maturo. Il futuro della grande distribuzione dipende però dalla volontà politica».
          Cosa manca allora?
          «In Francia i Comuni hanno tutto l´interesse a permettere l´apertura di centri commerciali. In Italia, invece il settore non si è sviluppato come merita. La temuta invasione straniera? Per quel che ci riguarda è un allarme infondato: da Auchan solo l´1% dei prodotti non è italiano. Il nostro mestiere è vendere ai clienti ciò che vogliono, a prezzi competitivi, come abbiamo fatto nonostante gli aumenti in alcuni settori della produzione».
          (lu.ci.)

Pagina 15 – Economia
 
 
L´ACCUSA
Vincenzo Tassinari (Coop)

"Consumatori colonizzati"
          Che miopia i grandi gruppi nazionali


        ROMA – «Il rischio che corriamo è quello di essere colonizzati come consumatori. E la colpa principalmente è di quei grandi gruppi industriali, come Agneli, Benetton, Del Vecchio e Berlusconi, che non hanno creduto nell´alimentare e nella distribuzione e l´hanno venduto agli stranieri». Non usa mezzi termini Vincenzo Tassinari, presidente nazionale della Coop, quando analizza la situazione di supermercati e ipermercati italiani.
        Presidente Tassinari, ma italiano o straniero un negozio è sempre un negozio. Per i consumatori cosa cambia?
        «In apparenza niente, nella sostanza tutto. Primo, perchè i grandi distributori stranieri favoriscono i loro produttori e il made in Italy si riduce sugli scaffali; secondo, perché potrebbero avere la tentazione di scaricare in casa nostra la loro inflazione alla produzione; terzo, perché se i nostri produttori non vendono dovranno chiudere, è crescerà la disoccupazione».
        La ritirata italiana, però, è in corso da tempo…
        «E´ colpa di illustri soggetti imprenditoriali, che hanno risolto le loro difficoltà facendo cassa a spese dell´alimentare. Nessuno ha pensato che la distribuzione è un settore strategico per un Paese moderno. Io penso che una delle priorità di una nazione evoluta sia l´indipendenza commerciale. In Spagna, Portogallo, e Grecia ormai quasi il 100% della distribuzione è in mano straniera»
        (fa.bo)