Gli stati generali oggi a Lamezia

27/09/2002


          27 settembre 2002



          ITALIA-ECONOMIA
          Gli stati generali oggi a Lamezia


          ROMA – Il primo vero momento di confronto tra Stato, Regioni e imprenditori: così il ministro delle Attività produttive, Antonio Marzano, ha definito la Conferenza del turismo che si tiene oggi e domani a Lamezia Terme. Una conferenza «che si terrà in Calabria, la regione con il Pil pro-capite più basso – ha tenuto a sottolineare Marzano – perchè il turismo è un importante settore che può trainare, insieme ad altri, l’economia del Sud». A Lamezia «faremo il punto – ha detto Marzano – su come sta il turismo dopo la crisi dell’11 settembre; su come applicare la modifica dell’articolo V della Costituzione» che affida alle Regioni molte competenze e, ancora, «su cosa l’Italia dovrà dire in sede europea» per il rilancio del settore. Ma il punto centrale sarà la divisione di competenze tra Stato e Regioni: «È vero – ha detto il ministro – che la competenza sul turismo è delle Regioni, ma è necessario che vengano coinvolti i membri del governo nazionale». E anche se «il ruolo delle Regioni rimane primario» perchè nel turismo «conta molto la conoscenza del territorio, e questa ce l’ha chi ci sta e vi opera», importante è anche che vi sia «un punto di incontro tra volontà politica del Governo e quella di Regioni ed enti locali». Ieri però la Conferenza dei presidenti delle Regioni ha «ribadito la sua contrarietà rispetto all’impostazione» della conferenza. Raffaele Fitto, governatore della Puglia, rappresenterà le Regioni a Lametia, ma i rappresentanti regionali hanno già annunciato al ministro i motivi che suggerivano «una sostanziale rivisitazione» della manifestazione, proponendo una conferenza interregionale sul turismo, perché «rispetto alle attività produttive del settore turistico non può esistere per la legislazione regionale altro limite che quello stabilito dalla Costituzione».