Giovedì ripartono le trattative del turismo

08/04/2003



              Martedí 08 Aprile 2003
              ITALIA-LAVORO


              Giovedì ripartono le trattative del turismo


              MILANO – Dopo quattro mesi di impasse, riparte la trattativa sul turismo. Giovedì e venerdì i sindacati torneranno a incontrare le associazioni imprenditoriali. Il negoziato si gioca su tavoli diversi, con Federturismo e Aica, associazioni di settore federate a Confindustria, Confturismo, che fa capo a Confcommercio, e Confesercenti. Il contratto è scaduto a fine 2001 e per il rinnovo i sindacati chiedono un aumento salariale mensile di 85 euro. Gli occupati diretti nel complesso sono 1,1 milioni, di cui circa 400mila stagionali. Il segretario nazionale della Fisascat, Pierangelo Ranieri, chiede «un nuovo impulso al negoziato sui vari tavoli contrattuali. Se non verranno risultati, sarà necessario prevedere ulteriori azioni di sostegno al rinnovo del contratto». Si ricomincia a dialogare ma sullo sfondo ci sono le otto ore di sciopero proclamate da Fisascat-Cgil, Filcams-Cisl e Uiltucs per il rinnovo del contratto del turismo e dei pubblici esercizi. La protesta sarà a tappe, regione per regione. Un’altra protesta è in vista nella sanità e negli enti locali. Il sindacato della Funzione pubblica di Cgil proporrà a Cisl e Uil la mobilitazione a sostegno del rinnovo contrattuale. «La mobilitazione – spiega Carlo Podda, della Fp-Cgil – potrebbe arrivare fino allo sciopero generale».