Giornata Mondiale Sciopero dei Tirocinanti

20/02/2017
globalstrike

Perché il tirocinio torni ad essere un’opportunità di inserimento nel mondo del lavoro per i giovani e non un lavoro sottopagato, servono regole certe e controlli severi. Va ripristinata – e protetta – la valenza formativa dell’istituto che nella pratica si è persa a vantaggio di un utilizzo dello stage finalizzato allo sfruttamento di manodopera a basso costo.

Una modalità di accesso sempre più frequente anche nei settori del commercio, del terziario e dei servizi. Nel  turismo, ad esempio, il tirocinio si affianca spesso al voucher o al lavoro intermittente nel costruire un sistema di precarietà che nulla ha a che vedere con la creazione di occupazione stabile e di professionalità formate.

Al dramma della disoccupazione giovanile non si può rispondere con la moltiplicazione di condizioni normative nei luoghi di lavoro capaci solo di generare insicurezza sociale, evasione fiscale e contributiva, e in taluni casi vero e proprio sfruttamento.

La Filcams ritiene che l’iniziativa di mobilitazione odierna promossa dalla Coalizione Globale Dei Tirocinanti sia innanzitutto importante per riaccendere i riflettori su un altro punto di forte debolezza del nostro mercato del lavoro, che assieme ad altri può e deve essere cambiato. La Carta Universale dei Diritti della Cgil  anche in questo caso, è in grado di dare risposte adeguate e produrre una decisa inversione di rotta.

#GlobalInternsStrike