Giornata della memoria, il ricordo

27/01/2015

Sono passati esattamente 70 anni da quel 27 gennaio 1945, quando furono aperti i cancelli del campo di concentramento di Auschiwtz, luogo di prigionia e sterminio nazista.
Il 27 gennaio, Giornata della memoria, vuole essere una giornata per ricordare le vittime dell’olocausto e delle tante torture e atrocità subite senza un perché, una giornata che deve continuare a farci riflettere, in memoria di chi ha sofferto e di chi ha lottato. Nonostante possa sembrare una data fin troppo distante dai giorni nostri, il fondamentalismo e la violenza dell’epoca si rinnovano ai giorni nostri sotto altri tipi di manifestazioni di intolleranza. Ne è l’esempio l’attentato di Parigi del 7 gennaio scorso e altri atti di integralismo che ogni giorno si ripetono.
Dobbiamo ricordare il passato, soprattutto ai giovani, per continuare a contrastare qualsiasi forma di estremismo che mira a ledere la libertà altrui non accettando le diversità culturali, politiche o religiose. Continuare a lottare per la pari dignità di ogni uomo e ogni donna, per il giusto rispetto di idee e diritti.
Una giornata diversa dalle altre, per non dimenticare.