Gigli: senza maggiordomo non è vita…

15/11/2000



Logo Repubblica.it
15 Novembre 2000Oggi in edicola Pagina 40
Gigli: senza
maggiordomo
non è vita…

MILANO (l.a.) – Da anni, lo stilista Romeo Gigli si è concesso un lusso, quello di avere in casa un governante maschio, efficiente e fidato.
Ma come cambia la vita con il governante?
"E’ una meraviglia, perché in casa funziona tutto come un orologio svizzero, senza che tu debba intervenire. Lui ti conosce, sa quali sono le cose ti piacciono e fa in modo che la casa di organizzarle come vuoi tu".
Ma il governante è qualcosa di più di una colf.
"Nel mio caso è più padrone di una situazione che servo".
Quali sono i vantaggi di avere un governante?
"Rende la vita estremamente piacevole. Io che adoro avere un guardaroba sempre a posto, trovo le maglie e i pantaloni appesi e sistemati come voglio. Le scarpe sono pulite e lucidate. A tavola trovo i vini giusti. Insomma, il governante è una persona che sa tutto di te, ti conosce, va a fare la spesa come la faresti tu. Ed è anche complice".
Vale a dire?
"E’ così sintonizzato sulle tue lunghezze d’onda che capisce quando deve coprirti, offrirti un alibi, dire una bugia".
Insomma, è un alleato perfetto.
"Sì. Ma questa è una affinità che si elabora con gli anni e solo con governanti veri".
Il suo come l’ha trovato?
"Collaborava già con la mia famiglia e poi è arrivato da me. E’ italiano, ha 55 anni, ed è elegante anche ai fornelli".