Gruppo Giacomelli in AS, Accordo proroga Cigs 15/11/2004

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA CONDIZIONI DI LAVORO

DIVISIONE VIII

VERBALE DI ACCORDO

Il giorno 15 novembre 2004 presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali alla presenza della dr.ssa Erminia Viggiani e la dr.ssa Monica Guglielmi si sono riuniti:

    • Giacomelli Sport Group S.p.A., Giacomelli Sport S.p.A., Longoni Sport S.p.A. e Natura & Sport S.r.l. in amministrazione straordinaria – in persona dei Commissari Straordinari – Prof. Avv. Elio Blasio, Dr. Antonio Bertani e Dr. Guido Tronconi, assistiti dall’Avv. Fabio Pulsoni e dall’Ing. Flaviano Giorgi.
    • per la FILCAMS CGIL il sig. Gabriele Guglielmi;
    • per la FISASCAT CISL la sig.ra Daniela Rondinelli;
    • per la UIL TuCS UIL il sig. Antonio Vargiu.

Per le RSA il sig. Antonello Cicci.

Premesso che in data 15 ottobre 2004 Longoni Sport e Natura & Sport sono state acquistate da Cisalfa Nord, come da accordo che si allega, e che in data 10 novembre 2004 è stato depositato decreto concernente la cessazione delle suddette imprese emesso dal Tribunale di Rimini su istanza presentata dai Commissari straordinari ex art.73 del D.Lgs n.270/99, le parti concordano di chiedere un periodo di proroga della CIGS per complessive n.347 unità a decorrere dall’ 8.10.2004 per 12 mesi ai sensi dell’art.3, L.223/91, unità ubicate nei punti vendita, come da elenco allegato.

Per Giacomelli Sport Group S.p.A. e Giacomelli Sport S.p.A., non essendosi concretizzata l’acquisizione da parte di Tuscan Star Sport s.r.l., proseguendo l’esercizio d’impresa a carico dell’amministrazione straordinaria, le parti concordano di chiedere un periodo di proroga di CIGS per complessive n.262 unità ai sensi dell’art.7, comma 10 ter, L.236/93, a decorrere dall’8.10.2004 unità ubicate nei punti vendita e nella sede di Rimini, come da elenco allegato.

Tale periodo è necessario per consentire ai Commissari la prosecuzione della gestione d’impresa nelle more della procedura di vendita dei compendi delle società interessate.

Le parti si danno atto di aver esperito la procedura prevista dall’art.2, DPR 218/2000.