Giacomelli compra Longoni per 76 mln

12/07/2002


Venerdí 12 Luglio 2002



Ma per la Borsa il prezzo «è troppo elevato»Giacomelli compra Longoni per 76 mln

V.D.G.

MILANO – La Giacomelli acquista il 100% della concorrente Longoni Sport per 76 milioni di euro investendo buona parte del bond di 100 milioni di euro emesso lo scorso anno. Ma Piazza Affari boccia l’operazione perchè ritiene il costo «troppo elevato». È questa la sintesi della giornata borsistica di ieri della società di Rimini che in mattinata ha fatto sapere alle autorità di Borsa che nel giro di poche ore avrebbe fatto un annuncio al mercato. Immediata, quindi, la sospensione dei valori Giacomelli dalle contrattazioni, prima che riprendessero nel primo pomeriggio. Così, dopo una partenza abbastanza sottotono con i valori Giacomelli in lieve arretramento dello 0,5% le azioni hanno subito una pioggia di vendite che hanno depresso i valori di oltre il 6%, naturalmente con volumi quasi triplicati rispetto alla media. Il titolo in chiusura ha segnato una perdita del 6,32% a 1,88 euro, con oltre 114mila pezzi scambiati, contro la media 30 giorni di 46.200 azioni. «Il prezzo pagato per Longoni è troppo elevato» ha detto un operatore della piazza milanese. Di parere opposto Gabriella Spada, presidente di Giacomelli Sport, che ha parlato di lentezza del mercato nel comprendere l’operazione «ma che alla fine apprezzerà la bontà dell’acquisizione». L’operazione. Giacomelli Sport Group Spa, attraverso la propria controllata Giacomelli Sport Spa, ha acquistato la catena di distribuzione di articoli sportivi concorrente Longoni Sport di Barzago (Lecco). A cedere la quota di maggioranza (70%) è stata BridgePoint Capital, mentre il rimanente 30% l’ha ceduto il management (25%) e il presidente Renato Benasedo (5%). Bridgepoint Capital ha conseguito una plusvalenza di 36 milioni di Euro. Advisor della transazione per Longoni Sport sono stati Bnp Paribas e lo Studio Legale Nctm. Advisor per Giacomelli sono stati Euromobiliare Corporate Finance e lo studio legale Carnelutti. Giacomelli Sport Group Spa incrementa così in maniera significativa le proprie quote di mercato, diventa leader assoluto del mercato italiano ed uno dei dei player più importanti in Europa. Il giro di affari del gruppo, che detiene il 14,6% del mercato italiano degli articoli sportivi, supera i 500 milioni di euro. Con questa acquisizione, che gli consente di diventare leader anche nella distribuzione di articoli per gli sport tecnici specializzati, Giacomelli Sport ha oggi un’insegna leader per ciascuna fascia del mercato degli articoli sportivi in Italia. Longoni Sport è il terzo operatore nel mercato della distribuzione di articoli sportivi in Italia con una rete di 22 megastore. Nell’esercizio chiuso al 28 febbraio 2002 il fatturato di Longoni ha superato i 132 milioni di euro, l’ Ebitda è stato pari a 0,71 milioni di euro e la posizione finanziaria netta pari ad un indebitamento di 30,39 milioni di euro. Infine, da segnalare che Unicredit ha ridotto, da di poco, la sua quota in Giacomelli, ora al 3,49% dal 3,59 per cento.

Venerdí 12 Luglio 2002