Gi Group, esito incontro 05/10/2010

In data 5 ottobre 2010 alla presenza dell’amministratore delegato e di Assolavoro si è tenuto un incontro di verifica dell’applicazione del Contratto di Solidarietà con Gi Group Spa.
L’azienda ha presentato l’andamento economico attuale che registra un sensibile miglioramento complessivo anche rispetto al dato medio dei competitors; Gi Group ha evidenziato come la scelta del CDS come risposta alla Crisi, si sia rivelata strategicamente vincente. L’aver salvaguardato infatti l’occupazione e le professionalità ha garantito la capacità di intercettare prontamente ogni opportunità che un mercato in costante evoluzione e non sempre leggibile, ha offerto.
In tale contesto l’azienda ha annunciato la volontà di ripristinare il normale orario di lavoro a far data dal 2 novembre p.v., ossia in considerevole anticipo rispetto alla scadenza naturale della proroga del CDS. Coerentemente ha manifestato l’intenzione di riattivare le sedi temporaneamente “congelate”.
Abbiamo accolto positivamente la notizia dell’uscita dalla solidarietà difensiva, e abbiamo espresso la necessità di proseguire nel confronto sindacale andando a strutturare le relazioni sindacali, oltre la fase, seppur positiva, del governo della Crisi.
Gi Group SpA si è resa disponibile in tal senso, in una logica di ricerca di condivisione costante seppur graduale su temi di interesse comune peri impresa e lavoratori come la flessibilità oraria, il part time post maternità e il sistema incentivante.
Per giungere a traguardare questi ambiziosi obbiettivi, abbiamo condiviso di ragionare preventivamente di uno schema su cui articolare le fasi negoziali, andando a chiarire argomenti quali le materie del diritto di informazione a tutti i livelli, nonché agibilità e struttura della rappresentanza.
L’intenzione delle OOSS Nazionali è di passare da una seppur importante stagione di relazioni industriali improntate sulla ricerca di soluzioni non traumatiche per i lavoratori coinvolti nelle profonde ristrutturazioni del settore, ad una nuova, ispirata alla costruzione di una contrattazione di secondo livello il piu’ possibile capillare e articolata.


p. Filcams Cgil p. Fisascat Cisl p. Uiltucs Uil
Cristian Sesena Dario Campeotto Gabriele Fiorino