Genova. «Servizi anti taccheggio agli istituti di vigilanza»

30/10/2006
    sabato 28 ottobre 2006

    Pagine di Genova

    delitto all’ipercoop
    Le guardie giurate

      Incontro con il prefetto

      �Servizi anti taccheggio
      agli istituti di vigilanza�

        C’era anche Christian Arru tra i vigilanti che ieri mattina hanno presidiato la prefettura mentre i rappresentanti di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs incontravano il prefetto Giuseppe Romano e il questore Salvatore Presenti. �Avrei partecipato comunque, per solidariet�, anche se questa brutta storia non riguardasse di me e non ci fosse di mezzo l’uccisione di Monica�. L’incontro � stato chiesto dai sindacati della vigilanza privata dopo l’ uccisione di Monica Di Mari, l’ addetta al controllo interno dell’ Ipercoop di Carasco, e il ferimento di Arru. Ma all’amarezza per la morte della collega, si � aggiunta la delusione di un incontro concluso �da risposte evasive� ha detto la Filcams.

        Mentre per la morte di Monica Di Mari i lavoratori del settore hanno indetto ieri uno sciopero di otto ore, i club genoani e lo stesso Genoa stanno studiando come ricordare al pubblico della partita la vigilante con il grifone nel cuore. Saranno striscioni, cori, forse sar� anche silenzio e raccoglimento sugli spalti del Bentegodi.

        E’ il lavoro delle guardie giurate ad essere sotto accusa, quasi come Mauro Balletto. L’infermiere di 41 anni ha materialmente ucciso, �ma ha potuto farlo – mormorano in piazza i vigilanti – perch� non siamo abbastanza protetti, perch� quando siamo in servizio negli ipermercati siamo soli e neppure in divisa�. E poi ci sono le anomalie. Come le persone qualificate come operatori tecnici della sicurezza (Ots) o i portieri che fanno attivit� antitaccheggio. Eppure a fronte di un migliaio di guardie giurate, gli Ots a Genova e Provincia sono circa 4 mila. E completamente abbandonati, senza protezione contrattuale se non quella prevista dai contratti del commercio.

        �Al termine dell’incontro il prefetto – � spiegato in un comunicato – si � impegnato, con la piena condivisione delle organizzazioni sindacali, a far conoscere, anche attraverso la stampa, che esiste l’ obbligo che il servizio antitaccheggio sia esclusiva degli istituti di vigilanza privata appositamente autorizzati i quali, a loro volta, devono destinare a tale servizio personale in divisa�.

        Per i sindacati l’incontro ha ottenuto �l’ apertura di un tavolo sulla sicurezza ma poche certezze nell’ immediato�. �Abbiamo ribadito – ha spiegato il segretario provinciale Filcams, Marco Carmassi – che servono tre guardie giurate nei trasporti e due negli ipermercati, ma il prefetto ha detto che non � la prefettura che pu� determinare l’aumento dei costi. Pi� ottimista � il segretario regionale Uiltucs, Fabio Servidei: �Il prefetto valuter� sul deposito dei contratti. Ha dato la massima disponibilit� a proseguire la discussione�.

      Al. Cost.