Gelo della Cisl sull´apertura di Berlusconi

12/03/2004


VENERDÌ 12 MARZO 2004

 
 
Pagina 36 – Economia
 
 
LE PENSIONI
Grilli: allarme sulla spesa sanitaria

Gelo della Cisl sull´apertura di Berlusconi
          Pezzotta: il premier va avanti comunque


    ROMA – La spesa pensionistica è aumentata nel 2003 del 4,4 per cento. Lo ha detto ieri il Ragioniere Generale dello Stato, Vittorio Grilli di fronte alla Commissione Bilancio del Senato. Per il Ragioniere anche la spesa sanitaria è in crescita: «Nel 2003 – ha detto – la spesa sanitaria è risultata strutturalmente superiore a quella convenuta nell´accordo dell´agosto 2001, eccedendo di 2,7 miliardi il livello prefissato». Il Ragioniere generale ha fatto nomi e cognomi di «responsabili» almeno per gli anni 2001 e 2002: «Ben il 50 per cento dello scostamento della spesa sanitaria rispetto a quanto stabilito dall´accordo dell´agosto 2001 è dovuto a tre sole regioni: Lazio, Campania e Sicilia». Grilli, che ha espresso «preoccupazione» per lo stock di debito degli enti locali, ha toccato anche il tema delle cartolarizzazioni e delle una tantum con cui le Regioni hanno fatto fino fronte al debito, inoltre ha auspicato che il debito degli enti locali sia valutato singolarmente e non pesi sul rating complessivo dell´Italia.
    Piccolo anticipo, rispetto al previsto, intanto per l´iter della riforma delle pensioni. Mercoledì 17 marzo, infatti, si comincerà a votare in Commissione Lavoro. A chiedere di stringere i tempi è stato il presidente della Commissione, Tomaso Zanoletti (Udc), che ha sottolineato la necessità di portare a termine l´esame del provvedimento prima che questo approdi in aula il 19 aprile.
    Arrivano infine segnali di gelo da parte della Cisl alla proposta di recuperare il dialogo di Berlusconi. «Se il confronto è: io scelgo e poi vado avanti comunque, per carità, noi non siamo d´accordo».