“Gdo” L’Italia resta leader Ue nei piccoli negozi

04/04/2006
    domenica 2 aprile 2006

      ECONOMIA ITALIANA – Pagina 15

      L’Italia resta leader Ue nei piccoli negozi

        Il dettaglio tradizionale arriva al 35%
        Gdo al 95% in Francia

          V.Ch.

            MILANO – L’Italia perde il confronto europeo dello sviluppo della grande distribuzione, mentre conserva la leadership del piccolo commercio.

              Per quanto riguarda gli ipermercati il distacco � davvero notevole: la quota di mercato nel nostro paese – secondo le stime Federdistribuzione – si attesta sul 17% a fronte del 38% della Spagna e del 29% della Germania, mentre Francia e Gran Bretagna sono ai vertici Ue con quote, rispettivamente del 51 e del 46 per cento.

              L’Italia si riscatta coni supermercati. la quota stimata sulla spesa delle famiglie (in rapporto ai prodotti di largo consumo) � del 49% nel nostro caso, e superiamo Spagna (43%), Francia (44%) e Gran Bretagna (43%), mentre la leadership assoluta spetta alla Germania (54%).

              Nonostante la crisi degli ultimi 15 anni, che ha prodotto la chiusura di migliaia di punti vendita marginali, il nostro Paese resta ancora al primo posto tra i principali partner europei per quanto riguarda la quota di mercato dei negozi di vicinato (Tradizionali) compresi i piccoli supermarket. In Italia la percentuale del dettaglio tradizionale � ancora al 35% nel complesso, mentre in Spagna � oggi del 19% e in Germania del 17.

              Quasi scomparso invece il piccolo commercio in Francia, dove ha una quota, ormai marginale, del5% e, parzialmente, in Gran Bretagna, dove solo l’11% della spesa delle famiglie viene effettuata presso i piccoli negozi di quartiere.

              In definitiva, la leadership Ue della Gdo spetta alla Francia, con un 95% di quota, seguita da Gran Bretagna (89%), Germania (83%) e Spagna (81%). L’Italia � dunque ultima con il 66% appena.