Gare di Appalto Pulizie scuole – Legge 124/99 – Lettera inviata al MIUR – Dr.G.Cosentino 14-04-2005

SEGRETERIE NAZIONALI

Raccomandata A.R.
(anticipata via fax)

Roma, 14 aprile 2005

Oggetto:Gare di appalto – Legge 124/99

Dr. Giuseppe Cosentino
Direttore Generale Personale
MIUR
Viale Trastevere, 76/a

00153 Roma

In relazione alle recenti informazioni fornite da codesto Ministero relative al bando di gara per le attività trasferite dagli Enti locali ai sensi della legge 124/99 dobbiamo rilevare, preliminarmente, che un giudizio compiuto da parte delle scriventi Segreterie Nazionali, potrà essere formulato quando potremo conoscere l’elenco degli istituti scolastici interessati, il numero dei lavoratori in atto impiegati, il complesso delle ore di prestazione lavorativa dei singoli addetti in relazione ai contenuti dei bandi di gara “storici”, e le risorse stanziate per le singole regioni.

Sul bando di gara ci permettiamo di evidenziare quanto segue:

a)Oltre alla pulizia occorre prevedere i servizi aggiuntivi contenuti nei capitolati di appalto originari, al fine di salvaguardare realmente l’occupazione dei lavoratori già dedicati a tali servizi;

b)La proroga successiva alla scadenza del bando di gara – 3 anni – dovrà essere di competenza delle USR e non dei singoli istituti scolastici, per favorire l’omogeneità delle decisioni;

c)Considerato che la partecipazione delle piccole e medie imprese è possibile attraverso l’ammissione alla gara di appalto di A.T.I. e consorzi, va previsto il divieto di subappalto;

d)Oltre alle dichiarazioni richieste alle imprese sarebbe opportuno prevedere l’obbligo di disporre di un patrimonio non inferiore al 25% del valore annuale dell’appalto;

e)In presenza di A.T.I. o consorzi occorre l’iscrizione nel Registro delle Imprese, deve valere sia per l’impresa capofila che per le imprese associate;

f)Condividiamo la scelta del criterio di aggiudicazione riferito all’offerta economicamente più vantaggiosa ma occorre prevedere esplicitamente, nel bando di gara, l’impegno all’applicazione del CCNL servizi integrati/multiservizi del 25/05/2001, nonchè, ai sensi della legge n.327/2000, per la valutazione delle offerte economiche, il rispetto delle tabelle allegate al D.M. del Ministero del Welfare del 05/07/2004;

g)Possono partecipare alle gare di appalto A.T.I. e consorzi di imprese di diverso assetto societario (imprese artigiane e cooperative sociali) purchè si impegnino ad applicare il contratto collettivo sopra richiamato;

h)All’allegato n.4 occorre prevedere l’obbligo per l’autorità appaltante – U.S.R. – a verificare preliminarmente i requisiti dichiarati delle imprese con particolare riferimento al versamento dei contributi assistenziali e previdenziali, degli obblighi relativi al rispetto delle norme sulla sicurezza, dell’iscrizione sul registro delle imprese;

i)Relativamente agli allegati 5 e 5bis appare superfluo, sempre che non ostino obblighi di natura legislativa, la sottoscrizione dello schema di contratto attuativo con l’istituto scolastico, in aggiunta alla sottoscrizione dello schema di contratto normativo tra la Direzione Regione e l’A.T.I. e/o il consorzio.

A parere delle scriventi Segreterie nazionali, tutte le attività svolte presso gli istituti scolastici, oggetto di trasferimento dagli enti locali ai sensi della citata legge 124/99 dovranno essere incluse negli emanandi bandi di gara in quanto il limite per le gare di appalto europee è fissato in 200.000,00 Euro, e nessuna delle regioni interessate risulterebbe essere sotto la soglia indicata.

Si resta in attesa di conoscere le vostre valutazioni in merito alle considerazioni sopra espresse, riservandoci una valutazione più approfondita a conclusione del confronto.

Con l’occasione si chiede di conoscere i tempi e le modalità di emanazione del bando relativo ai lavoratori stabilizzati con Decreto Ministeriale n.65 del 20-04-2001.

Cordiali Saluti.

P/la FILCAMS-CGIL P/la FISASCAT-CISL P/la UILTRASPORTI-UIL
C.RomeoG.Pirulli U.Conti