G.M.LA RINASCENTE-UPIM: LA NUOVA PROPRIETA’ DISDETTA IL CONTRATTO INTEGRATIVO: SCIOPERO SABATO 1° OTTOBRE

19/09/2005

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi
Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

19 settembre 2005

G.M.LA RINASCENTE-UPIM: LA NUOVA PROPRIETA’ DISDETTA IL CONTRATTO INTEGRATIVO: SCIOPERO SABATO 1° OTTOBRE

Partono all’insegna delle forzature i rapporti tra Tamerice, la nuova proprietà dei Grandi Magazzini La Rinascente e di Upim, e Filcams Fisascat Uiltucs.

Dopo le sistemazioni avvenute nel gruppo La Rinascente, con lo smembramento delle attività alimentari (Auchan) dalle attività tessili (Tamerice), il confronto sindacale pareva procedere sul filo della correttezza finché la disdetta unilaterale e anticipata del contratto integrativo aziendale, in scadenza il 31 dicembre 2005, ha cambiato radicalmente il quadro delle relazioni.

Appena il 7 settembre, il coordinamento nazionale delle strutture e dei delegati presentava l’ipotesi di piattaforma per il rinnovo dell’accordo integrativo dandone comunicazione alla società e avviando il percorso di consultazione tra i lavoratori per giungere infine al varo della piattaforma definitiva da presentare all’azienda.

Nell’ipotesi di piattaforma, Filcams Fisascat Uiltucs esercitavano, per quanto di loro competenza, una piena assunzione di responsabilità, dichiarando che «dobbiamo tornare a definire norme specifiche per il ramo tessile alla luce del modificato quadro normativo e contrattuale, idonee a governare una fase di trasformazione ed evoluzione dell’azienda, ritornata all’interno di quella che fu già in passato, alle sue origini, la propria area di attività commerciale, senza più il retroterra finanziario ed economico costituito dalle attività alimentari del gruppo disciolto» ;.

E più avanti, «negli ultimi anni la Upim ha realizzato, grazie all’impegno di tutti e in primo luogo dei suoi dipendenti, un’opera di progressivo risanamento del conto economico e di ristrutturazione di gran parte dei suoi punti vendita, con un costo significativo non solo dal punto di vista economico bensì anche sociale (…) i Grandi Magazzini La Rinascente hanno pure attraversato una fase difficile tra la fine del 2001 e il 2003, da cui sono usciti nel corso del 2004, ma necessitano di ulteriore impegno per consolidare la propria posizione commerciale».

Il 13 settembre, Tamerice presenta disdetta del contratto integrativo.

Nella comunicazione alle strutture per la proclamazione dello sciopero, sabato 1° ottobre, per tutti i turni di lavoro in tutti i luoghi di lavoro La Rinascente e Upim, Filcams Fisascat Uiltucs scrivono: «La nuova proprietà dovrebbe presentare in ottobre il piano di riorganizzazione, da noi più volte sollecitato, che potrebbe comportare eventuali esuberi. Le segreterie nazionali avevano dichiarato la disponibilità di entrare nel merito senza preclusioni di sorta. Nonostante ciò perdono tempo a inviarci una disdetta; il che ci fa pensare che questa azienda intende perseguire un modello di relazioni sindacali stile Anni ’50».