Franchising, Sviluppo Italia accelera i progetti di crescita

20/09/2001

Il Sole 24 ORE.com





    Una decina di aziende pronte a siglare intese per rafforzarsi al Sud

    Franchising, Sviluppo Italia accelera i progetti di crescita
    MILANO- Il business dell’affiliazione commerciale, ossia del franchising, marcia a pieni giri, sull’inda anche dell’accelerazione del piano di incentivazione gstito da Sviluppo Italia (per il Sud in prevalenza) e del crescente interesse di gruppi commerciali e industriali verso l’impiego di questo strumento per sviluppare le reti di vendita.
    Ieri, nel capoluogo lombardo, è stata presentata la 16a edizione della rassegna Franchising&partnership, organizzata dall’ExpoCts dal 9 al 12 novembre alla Fiera di Milano. «La rassegna è stata potenziata e conta 300 espositori – ha spiegato Adalberto Corsi, presidente ExpoCts – in crescita del 5% rispetto allo scorso anno; la superficie è di 21 mila metri quadrati, il 17% in più».
    Prevista anche la presenza di un pooil di aziende americane coordinate da un apposito staff del Consolato commerciale Usa di Milano.
    Il giro d’affari, sulla base delle stime elaborate finora da Assofranchising, marcia spedito verso i 30mila miliardi. I punti vendita sono oltre 29mla, gli addetti circa 86mila.
    Nell’ambito della rassegna un ruolo chiave sarà svolto da Confimprese, l’associazione che raggruppa una cinquantina di gruppi di dimensioni medie e grandi che hanno deciso di puntare sul franchising, utilizzando anche apposite convenzioni con Sviluppo Italia.
    Ci sono già alcune imprese che hanno firmato la convenzione con Sviluppo Italia: si tratta di Arquati, Fratelli Fontana(marchio Kasanova, ossia negozi di articoli per la casa) e Marvin (centri di foto-ottica).
    La convenzione con Arquati prevede la realizzazione di 30 punti vendita nel Centro-Sud, di cui 19 da realizzare entro il 2002. L’intesa con Kasanova prevede 15 punti vendita entro gennaio 2002 e quella con Marvin 200 punti vendita da realizzare entro tre anni, di cui un primo gruppo di 16 punti vendita a breve.
    Risultano poi altre realtà in trattativa con Sviluppo,Italia: Autogrill, Blockbuster, Cesar (gelati), Coin (marchio Bimbus), Eap ed Esperya (ristorazione), Euronics, Gastone immobiliare, McDonald’s, Pam, Play Way e Vobis. È possibile stimare che, dal complesso dei progetti di sviluppo messi in campo dalle varie imprese, sia al Sud che in tutt’Italia, nell’arco di due o tre anni la rete di punti vendita in franchising potrà crescere di almeno 2-3mila unità, per l’effetto-volano che si sta osservando da qualche anno. La dinamica di crescita del settore (oltre l’11% l’anno per i punti vendita) è nettamente superiore alla media del dettaglio, che, solo nel 2000 ha visto un ritorno a saldi positivi, grazie anche al franchising, dopo diversi anni di bilanci negativi tra nuove apeture e cancellazioni.
    Confimprese ha poi organizzato, in partnership con ExpoCts, una serie di convegni, in occasione del salone Franchising&Partnership, su temi come il valore della marca, l’euro e gli scenari del commercio moderno. Altri seminari riguarderanno lo scenario del franchising nei vari settori.
    Vincenzo Chierchia

    Giovedí 20 Settembre 2001

 
 
Tutti i diritti riservati © 24 ORE NetWeb S.p.A.
   

…………………………………..