Four Seasons porta il lusso negli hotel di Firenze e Roma

09/04/2002





Il gruppo Fratini finanzia il progetto toscano da 80 milioni €

Four Seasons porta il lusso negli hotel di Firenze e Roma

Nicola Dante Basile

MILANO – Four Seasons, l’esclusiva catena alberghiera nordamericana, raddoppia in Italia. Anzi, triplica. Dopo la sede di via del Gesù, a Milano dal ’93, è la volta di Firenze con la realizzazione entro il 2004 di un nuovo albergo di categoria superlusso nel palazzo rinascimentale della Gherardesca; subito dopo sarà la volta di Roma: è di questi giorni il via libera del vertice della catena alla ricerca di una sede prestigiosa nella capitale, dopo che due anni fa aveva tentato invano di mettere le mani su Palazzo Colonna. A Firenze invece è già tutto definito. «Il progetto di ristrutturazione del palazzo ha ottenuto il nulla osta della Sovrintendenza alle Belle Arti e ora si attendono le concessioni edilizie per l’inizio dei lavori», ha dichiarato al Sole-24 Ore Filippo Calandriello della Rdm, la società che si occuperà degli stessi lavori e che fa capo al gruppo fiorentino Fingen. L’investimento, tra acquisto e ristrutturazione, supera gli 85 milioni di euro e sarà di pertinenza Fingen, la finanziaria della famiglia Fratini, mentre Four Seasons ne avrà la gestione. A regime l’hotel, un "city resort", disporrà di 120 camere e suite presidenziali, creerà nuova occupazione per almeno 230 dipendenti fissi e si svilupperà su un’area di 12mila metri quadrati su tre piani, a cui vanno aggiunti 40mila metri quadrati del parco circostante. La struttura avrà aree per fitness & relax, centri conferenze, shopping e sale ristoranti contornate di architetture esterne e interne di assoluto valore artistico e museale, sulle quali la la Sovrintendenza ha imposto una tassativa salvaguardia. L’opera di ristrutturazione verrà eseguita dalla Rdm (Real estate development and management), che al suo attivo ha la realizzazione nonché la partecipazione di minoranza dell’outlet (centro di distribuzione) di Serravalle Scrivia, in provincia di Alessandria, mentre sono in fase di costruzione quelli di Barberino di Mugello e di Castel Romano. Il gruppo Fingen, la cui attività principale è la moda (firma i capi con marchio Cotton Belt, Calvin Klein, Guess), di recente ha costituito una joint venture con la casa vinicola Marchesi Antinori per produrre vini nel Livornese, occupa 550 addetti e nel 2001 ha ottenuto ricavi per circa 250 milioni di euro. Per Four Seasons, Firenze rappresenta il coronamento di un progetto nel cassetto da molto tempo. Per quanto disponga già di un buon numero di grandi e prestigiosi alberghi, Firenze resta una delle città più visitate a livello mondiale, al punto che il tasso medio di occupazione è superiore al 70 per cento. Di qui l’insistenza nella ricerca di una sede esclusiva, dove realizzare un albergo con i confort standard del gruppo fondato nel ’61 dal canadese e attuale presidente Isadore Sharp. La catena ha 56 alberghi di categoria lusso in 25 Paesi, 14.600 camere, 25mila addetti e un giro d’affari superiore a 350 milioni di dollari. Il palazzo della Gherardesca risponde evidentemente al caso e già si pensa che la direzione possa andare a uno degli attuali responsabili dell’albergo milanese (Giuseppe Finizzola o Patrizio Cipollini, rispettivamente direttore e vicedirettore), che si trova all’interno del quadrilatero della moda, è stato ricavato ristrutturando un ex convento con annessa chiesa di Santa Maria del Gesù del 400, dispone di 118 stanze e suite e nel 2001 ha avuto ricavi per circa 28 milioni di euro. Il tasso di occupazione è stato superiore all’82%, contro una media milanese del 68% e una media della stessa catena a livello mondiale che fino all’11 settembre era del 72%, poi scesa al 65,3% sull’arco dell’intero 2001.

Martedí 09 Aprile 2002