Formazione For. Te.per Billè

10/05/2005
    martedì 10 maggio 2005

    ECONOMIA ITALIANA – pagina 18

      MARKET CAFÉ

      Formazione For. Te.
      per Billè

        Alla guida della Confcommercio, Sergio Billè affianca da qualche giorno anche la presidenza di For. Te. Il numero uno delle imprese del commercio è stato infatti nominato alla presidenza del fondo bilaterale per la formazione che attualmente raggruppa 1.070.416 dipendenti e 76.066 aziende. La scelta di Billè, considerata dai sindacati più istituzionale che operativa, nasce dall’obiettivo di dare rilievo e visibilità all’attività del fondo.

        Billè va a sostituire Marcello D’Alfonso, presidente di For. Te. dal 6 ottobre 2004 al 14 marzo 2005. D’Alfonso che è stato segretario dell’Unione del Commercio, del Turismo, dei Servizi e delle Professioni di Milano dal 1992 al 1999, al momento è segretario Generale della Confcommercio di Roma. Billè non è però l’unica new entry del fondo: nel consiglio di amministrazione accedono anche Francesco Berruti di Metro S. p. a, Dario Bossi dell’Unione Milano Ascofoto e Mario Sommariva della Cgil.

        Dalle imprese al sindacato del commercio: Gianni Baratta potrebbe lasciare, entro qualche mese, il vertice della Fisascat per approdare alla segreteria confederale della Cisl. Sulla carta il mandato di Baratta scadrebbe il prossimo anno, tuttavia dopo il congresso unitario della Cisl, in programma per luglio, in molti prevedono un giro di poltrone nell’organizzazione di via Po.

          Tutto dipenderà, naturalmente da cosa deciderà di fare Savino Pezzotta. Secondo alcune voci pare che il numero uno della Cisl sia attratto dall’idea di scendere nell’arena politica in occasione delle prossime elezioni. In molti in via Po vedono una conferma di questa intenzione nella possibilità, anticipata dallo stesso segretario, di arrivare fino all’assemblea organizzativa del 2007. Il segretario anticiperebbe così la naturale scadenza del suo incarico, prevista per il dicembre del 2008. Se questa ipotesi si dovesse concretizzare vorrebbe dire che si aprirebbe presto la partita per la segreteria confederale: oltre a Baratta si fa avanti anche la candidatura di Giorgio Caprioli, attualmente a capo dei meccanici, di Carlo Borio al vertice della Cisl Lombardia e di Paolo Mezzio alla guida della Cisl Sicilia. ( S. U.)