La Filcams Nazionale apre il Fo.R.Um 27/01/2014


Via Leopoldo Serra, 19: la Filcams nazionale apre il Fo.R.Um

La Filcams Cgil inaugura il 27 gennaio p.v. una nuova sede dedicata all’elaborazione teorica-pratica e alla realizzazione dei corsi di formazione a carattere nazionale. Lo spazio, sito a Roma in via Leopoldo Serra numero 19, nasce dalla volontà di offrire ai sindacalisti della categoria ai vari livelli un luogo dove poter accrescere e implementare le proprie competenze, grazie all’approfondimento e all’analisi di temi di particolare rilevanza, che si aggiungano, senza sostituirsi, a quanto di positivo viene normalmente condotto a livello territoriale.
L’individuazione di un luogo fisico nazionale per la realizzazione del Piano della Formazione rappresenta una scelta simbolica e organizzativa fondamentale. Simbolica, perché il legame tra lo spazio formativo teorico (il Piano) e il luogo di elaborazione pratica (collocata in via Serra adiacente, ma ben separata, dalla sede sindacale nazionale) mira a costruire un riconoscimento identitario forte e immediato che valorizza il ruolo strategico del Piano formativo nella crescita delle risorse umane della Filcams. Organizzativa, perché consente ancora di più di assumere la formazione sindacale quale elemento distintivo della cultura Filcams e strumento di politica dei quadri, con un investimento in grado di aumentare l’offerta formativa riducendo i costi di realizzazione dei corsi.
Non a caso la nuova sede per la formazione è stata battezzata con un acronimo di sicuro impatto evocativo: Fo.R.Um. Come ci spiega il Segretario Generale Franco Martini, esso: “richiama il FORO dell’antica Roma, luogo di incontro dell’intera comunità, il luogo del mercato e della politica, il luogo degli incontri e degli scambi. Il luogo della democrazia, una democrazia fondata sulla conoscenza e sulla partecipazione, ciò che vuole essere il nostro progetto culturale sulla formazione. Forum nell’accezione più moderna è uno spazio di confronto svincolato dalle dinamiche degli organismi formali, dei direttivi e dei comitati centrali. Organizzare un Forum significa offrire un luogo di incontro e confronto senza rete, né vincoli, dove la libertà di pensiero e di opinione può raggiungere la sua massima espressione. Quello che, appunto, vuole essere il nostro Piano nazionale della formazione. FORUM, però, è anche un acronimo, che sta per Formazione Risorse Umane, quindi, Fo.R.Um. che diventa il nostro laboratorio sindacale di cultura, formazione e ricerca”.
Il logo che è stato individuato per identificare il Forum raffigura in un riquadro rosso una figura stilizzata con una lampadina al posto della testa. Il senso è valorizzare la natura teorica-pratica del Laboratorio Formazione Filcams costruito come un luogo dove le idee vengono poste in relazione alla realtà, sperimentate nel confronto tra partecipanti al fine di arricchire l’esperienza e conseguentemente le competenze di ciascuno.
Subito sotto il riquadro un verso recita: “Noi ci siamo resi conto dell’importanza dei libri e delle penne quando abbiamo visto le armi” . La frase, bella ma anche tristemente reale, appartiene a Malala Yousafzai, la più giovane candidata della storia al Nobel per la Pace nel 2013. Malala è la ragazza pakistana che i talebani hanno tentato di assassinare perché era donna e voleva studiare e, come ella stessa disse a un giornalista, “perché i talebani non sanno cosa c’è scritto dentro un libro”. “Per noi”, sottolinea Martini, “il riferimento a Malala è quello a una personalità in contiguità col nostro mondo perché è giovane e la Filcams è un mondo di giovani, è donna e la Filcams è decisamente donna, è straniera e la Filcams è sempre più straniera, con i suoi migranti. La frase nel logo del Forum Filcams rappresenta una dedica, un messaggio chiaro che la cultura e la conoscenza rappresentano la scelta più importante per la vita, per la dignità e la libertà delle persone”.
Il Forum è stato progettato per accogliere una sala plenaria a ferro di cavallo per 20 partecipanti, due salette per i lavori di gruppo e uno “spazio bimbi” che consenta ai partecipanti ai corsi di portare con sé i propri figli favorendo così la loro partecipazione ai corsi. Come sottolinea il Segretario Organizzativo Andrea Righi: “abbiamo voluto dare un segno tangibile di attenzione ai bisogni di conciliazione delle compagne e dei compagni. Il Forum è un’iniziativa che merita il plauso di tutta l’organizzazione. Il diritto alla crescita culturale delle lavoratrici e dei lavoratori del mondo Filcams a qualunque livello va garantito e supportato in ogni modo con scelte organizzative coerenti con tale impegno”.
Le sale sono attrezzate con strumentazione tecnica di alto profilo tecnico che garantiscono, oltre alla proiezione audio e video, anche la videoconferenza e le riprese per i corsi e-learning.
Sottolinea Righi a tale proposito: “L’investimento economico che la categoria ha realizzato attraverso la ristrutturazione dei locali adibiti al Forum e l’attrezzatura sarà ampiamente ricompensata con la riduzione dei costi di organizzazione dei corsi. Ma, soprattutto, potremo impiegare le risorse risparmiate per accrescere l’offerta formativa e supportare progetti sui territori rivolti a delegate e delegati nell’ambito del sistema di certificazione previsto dal Piano nazionale della formazione. L’intera organizzazione trarrà vantaggio dalla scelta fatta attraverso la crescita dei suoi quadri ”.
Il 27, giorno dell’inaugurazione, il Forum accoglierà la Commissione nazionale della formazione composta dai Responsabili regionali della formazione e dal Dipartimento nazionale Formazione e Ricerca Filcams per iniziare a ragionare sulla stesura del futuro Piano nazionale della formazione. Il 29 e 30 gennaio sarà poi la volta del primo corso rivolto a RLS della ristorazione nella nuova sede…e che il Forum abbia inizio!