Forlì. Si ribellano le donne delle pulizie della Prefettura

09/11/2007
    venerdì 9 novembre 2007

      Pagina V – Cronaca Forlì

      E domani si ribellano le donne delle pulizie della Prefettura: «Noi, dimenticate da tutti»

      «UNA SPORCA faccenda», pensano i sindacati. Per questo domani alle 11.30 alla Camera del lavoro di via Pellegrino Artusi a Forlimpopoli si troveranno loro, le dipendenti del gruppo Splendida, quello che ha l’appalto per la pulizia della Prefettura e delle caserme di Forlì. Tutte arrabbiate.

      L’assemblea è stata indetta dalle sigle sindacali Cgil Filcams, Cisl Fisascat e Uiltucs, che seguono il settore dei servizi, appoggiati dai confederali Cgil, Cisl e UIl. Inferociti: «La prefettura è sorda ai diritti dei lavoratori — attacca un comunicato congiunto —. E martedì loro e l’azienda affidataria dei servizi hanno disertato l’udienza presso la direzione provinciale del lavoro per definire il contenzioso. Ora basta».

      «Ci sembra grave che la Prefettura non si sia fatta vedere, nonostante tutti i problemi», spiega Maria Giorgini della Filcams Cgil. E racconta: «Nell’aprile 2007 il gruppo Splendida ha ottenuto l’appalto, con un ribasso del 50%, sempre meno ore e stipendi medi di 400 euro». Ma all’origine del malumore c’è anche altro: «Le dipendenti non hanno neppure le divise, mancano i tesserini regolamentari per svolgere il lavoro dentro le caserme, e soprattutto non sanno mai a chi rivolgersi. Quest’azienda sembra fantasma», accusa la Cgil. E adesso? Scioperi in vista.

      m. b.