Nuovi Orizzonti, appalto fonici-trascrittori, comunicato sindacale diffida 15/03/2018

FILCAMS CGIL FISASCAT CISL UILTRASPORTI

COMUNICATO SINDACALE
Alle lavoratrici e ai lavoratori dipendenti di Nuovi Orizzonti
occupati negli appalti Ministero di Giustizia

Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti, unitamente alle Rsa di Nuovi Orizzonti, denunciano il comportamento contrario al dettato contrattuale messo in atto dall’azienda di sospendere il pagamento delle ore supplementare e straordinarie per il secondo mese consecutivo.

Nuovi Orizzonti nelle diverse comunicazioni intercorse coi propri dipendenti ha dichiarato che la scelta di congelare il pagamento delle ore supplementari e straordinarie è determinato dalla prossima sottoscrizione del Contratto Integrativo Interaziendale che, a detta loro, istituirà la banca ore o forme di flessibilità e conseguentemente le ore di lavoro effettuate oltre l’orario contrattuale saranno accantonate per coprire periodi di minor lavoro.

Che ci sia un oggettivo problema di far fronte ad oscillazioni dell’orario di lavoro stante le particolarità del servizio di documentazione degli atti dibattimentali è noto e per tale ragione nel tavolo di confronto, nei diversi incontri che si sono succeduti, si è affrontata tale la tematica, nonostante la normativa vigente non prevede il ricorso a forme di flessibilità per il part time e richiede in ogni caso un preventivo accordo.

Le Organizzazioni Sindacali e le RSA si sono rese disponibili a discutere di come modulare l’organizzazione del lavoro essendo perfettamente a conoscenza della necessità di regolamentare un sistema di orario di lavoro più rispondente alla specificità del servizio svolto, anche per far fronte ai periodi di calo di lavoro che spesso non permettono di raggiungere il parametro orario contrattuale, ma la disponibilità è stata data nel rispetto dei termini previsti di legge e di contratto e solo dopo aver sottoposto a tutti i lavoratori le condizioni che eventualmente si determineranno nel Contratto Integrativo Interaziendale, che ad oggi non è stato ancora definito.

Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti rigettano quanto asserito da Nuovi Orizzonti, nel sostenere che i sindacati erano e sono d’accordo nell’attivare la sospensione del pagamento delle ore supplementari e straordinarie e a fronte di tale comportamento non escludono di agire tutte le iniziative sindacali e legali per tutelare le stesse organizzazioni e i lavoratori.

Pertanto alla luce di quanto accaduto, Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti, unitamente alle RSA proclamano lo stato di agitazione e chiedono che vengano messe immediatamente in pagamento le ore supplementari e straordinarie e diffidano Nuovi Orizzonti per i comportamenti messi in atto nei confronti delle OO. SS., nonché dei lavoratori.

Inoltre chiedono che anche il Consorzio Ciclat, titolare del contratto di appalto, nell’incontro già programmato per lunedì 19.03.2018 si faccia carico di chiarire in modo esaustivo il tema della regolarità delle retribuzioni erogate da luglio ad oggi.

FILCAMS CGIL-FISASCAT CISL-UILTRASPORTI
NAZIONALI

Roma, 15 marzo 2018