Fondo integrativo Fon.Te: Partono i versamenti

25/10/2001

L'Eco di Bergamo



24 ottobre 2001
Economia
Pagina 31



  



Fondo integrativo Fon.Te Partono i versamenti

Prende il via la fase dei versamenti a Fon.Te, il fondo di previdenza complementare del commercio e terziario.
Secondo l’accordo raggiunto tra Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil e Confcommercio, per chi ha aderito al fondo anteriormente al 30 giugno 2001 il versamento può essere eseguito in unica soluzione o in forma rateale sia per le quote a carico del dipendente sia per quelle a carico dell’azienda.
Per quanto riguarda invece i contributi dovuti per i periodi successivi al 30 giugno 2001, dovranno essere corrisposti in unica soluzione, contestualmente al versamento del Tfr arretrato, entro il 31 dicembre 2001.
I versamenti eseguiti in forma rateale seguiranno queste modalità: per i lavoratori iscritti anteriormente al 1° luglio 2000 vanno versati i contributi arretrati dovuti per il 1999, per il 2000 e per il 1° semestre 2001, in otto rate trimestrali da corrispondere contestualmente ai contributi correnti (quattro trimestri nel 2002 e quattro trimestri nel 2003). Per i lavoratori iscritti tra il 30 giugno 2000 ed il 30 giugno 2001 vanno versati i contributi dovuti per l’anno 2000 e per il 1° semestre 2001 in quattro rate trimestrali, da corrispondere contestualmente ai contributi correnti (quattro trimestri nel 2002). I versamenti relativi al 2° semestre del 2001 devono essere trattenuti con la busta paga di novembre e dicembre e versati dalle imprese unitamente alla quota di loro competenza entro il 31 dicembre 2001. Il consiglio di amministrazione di Fon.Te ha già scelto con gara d’appalto europea la banca depositaria (Monte dei Paschi di Siena) e il service amministrativo (Previnet), mentre è in corso la gara per i gestori finanziari.
Dunque, dopo diversi mesi, inizia la fase operativa di Fon.Te, che attualmente conta oltre i 12 mila aderenti in Italia e circa 600 nella provincia di Bergamo, una della prime in Italia.
«Comincia a consolidarsi – rileva in un comunicato Mirco Rota, segretario della Filcams-Cgil – un fondo di notevoli potenzialità per l’elevato numero di lavoratori che ne potrebbero far parte augurandoci di poter estendere nei prossimi mesi il numero delle adesioni».