Fondi pensione, 2 milioni di iscritti

22/05/2002





PREVIDENZA

Fondi pensione, 2 milioni di iscritti


Nel 2001 le liquidazioni si sono rivalutate del 3,2%, il pilastro integrativo ha perso lo 0,5%

      ROMA – Continuano ad aumentare gli iscritti ai fondi pensione integrativi. Le adesioni ai fondi «chiusi» ( riservati a determinate categorie di lavoratori) e a quelli «aperti» sfiorano ormai i due milioni distribuiti in 718 fondi. Sono 1.297.417 gli iscritti ai 143 fondi successivi alla riforma del ’93 con un aumento del 17 rispetto al 2000 mentre sono 689.616 quelli iscritti ai 575 fondi preesistenti. I dati sono contenuti nella relazione annuale della Covip (commissione di vigilanza sui fondi) illustrata ieri dal presidente Lucio Francario. A marzo i fondi «chiusi» autorizzati all’esercizio hanno raggiunto quota 33 e gli iscritti hanno superato il milione. Il patrimonio è pari a 2 miliardi e 256 milioni di euro e i contributi raccolti nel 2001 a un miliardo e 144 milioni di euro. I fondi «aperti» autorizzati sono 102 con 287 mila iscritti, con un attivo netto di 943 milioni di euro e una raccolta di contributi nel 2001 di 340 milioni di euro (» 40% rispetto al 2000). Nel 2001 il rendimento netto medio dei fondi è stato ancora insoddisfacente a causa della Borsa. I fondi «chiusi» hanno reso con un -0,5%, quelli «aperti» con un – 5,6%. Il Tfr (accantonamenti per la liquidazione) ha reso invece il 3,2%. Ma se il conto si fa su tre anni (1999-2001) i fondi superano il Tfr: quelli «chiusi» hanno reso il 14,5% e quelli «aperti» il 20,4% contro il 9,3% del Tfr.
      Continua intanto la polemica tra il presidente dell’Inps, Massimo Paci, che sostiene che la riforma delle pensioni presentata dal governo apre un buco nei conti pubblici, e il ministro del Lavoro, Roberto Maroni, che afferma: «Non c’è alcun rischio per le pensioni future».