FNAC, NESSUNA NOTIZIA POSITIVA

12/10/2012

12 ottobre 2012

Fnac, nessuna notizia positiva

Le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno avuto una conferenza telefonica con la dirigenza Fnac in particolare con Christophe Deshayes, che ha comunicato le decisioni prese rispetto all’assetto del gruppo. Nessuna novità purtroppo per la Fnac Italia e il futuro continua ad essere incerto.
Il consiglio di amministrazione di PPR ha approvato all’unanimità il progetto di scissione e di collocamento in borsa della Fnac. Inizialmente, gli azionisti Fnac saranno gli stessi di PPR successivamente, dopo la quotazione, la holding della famiglia Pinoult manterrà almeno per un anno la proprietà delle azioni del 40% del gruppo.

Per l’Italia è confermata la decisione di vendita entro fine 2012, e nonostante le insistenze sindacali, legittimate dalla forte preoccupazione per il futuro dei 600 dipendenti, l’azienda non ha fornito nessun elemento aggiuntivo, se non confermare l’impegno di un prossimo incontro a novembre.

Continua, quindi, la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori, il coinvolgimento nelle realtà territoriali degli assessorati e la sensibilizzazione nei confronti dell’opinione pubblica, in attesa della convocazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico