FNAC, esito incontro 07/07/2010

COMUNICATO SINDACALE TRATTATIVA CIA FNAC

Si è svolto il 7 luglio u.s. il secondo incontro con l’azienda FNAC per proseguire la discussione della piattaforma presentata dalle OOSS e dalle RSU/RSA il 7 aprile 2010.
La direzione aziendale ha iniziato l’incontro esponendo alcuni dati economici relativi al primo semestre 2010 che risulta essere sotto alle aspettative, tanto da portare l’azienda a confermare la attuale impossibilità a prendere in considerazione alcuni costi della piattaforma, mentre sulla parte normativa, l’azienda ha fatto aperture su quasi tutti i punti.
Proseguendo con la analisi del testo punto per punto l’azienda ha infatti espresso la volontà di voler dare importanza al confronto al livello di punto vendita, ritenendolo strategico per affrontare diversi problemi, in particolar modo la questione della organizzazione e dell’orario di lavoro.
Su tale argomento le OOSS hanno fatto presente i problemi attuali di comunicazione a tale livello e hanno auspicato che un accordo integrativo possa davvero diventare strumento utile per coinvolgere i delegati nelle decisioni che vengono oggi prese in maniera univoca dai direttori dei negozi.
Per quanto riguarda i diritti sindacali l’azienda ha proposto l’aumento del monte ore di permessi sindacali uniformandole a quanto oggi previsto a Milano (2 ore per dipendente).
Altre risposte positive sono state date in merito ai percorsi di formazione per facilitare il rientro delle lavoratrici dal periodo di maternità, l’allargamento del diritto allo studio nei negozi sotto ai 30 dipendenti e sull’estensione della pausa con le medesime modalità a tutti i lavoratori.
Sulla parte economica ci sono state alcune risposte positive ma non sufficienti, sul lavoro domenicale e festivo e premio variabile ma viene ribadita dall’azienda l’impossibilità di affrontare buoni pasto e integrazione della malattia in questo momento.
Tuttavia ha accettato la nostra richiesta di riesaminare i due punti a metà percorso dell’integrativo (fine 2011) con l’intento di trovare soluzioni a fronte di un miglioramento dell’andamento economico dell’azienda.
Sulle maggiorazioni domenicali e festive l’azienda si è dichiarata disposta ad aumentare del 10% la percentuale prevista dal ccnl per il solo periodo natalizio (1 dicembre – 6 gennaio).
Consideriamo questo un primo passo ancora insufficiente e pertanto abbiamo chiesto all’azienda di valutare la possibilità di aumentare la percentuale e contemporaneamente valutare l’estensione della maggiorazione a tutte le festività e prevedere anche un miglioramento per tutte le domeniche dell’anno.
Per quanto riguarda il premio variabile l’azienda ha proposto un impianto che rende il premio più vicino ai lavoratori: il 20% sul RO Italia, un altro 20% sul fatturato di negozio, 40% su fatturato di settore per negozio e un ultimo 20% su un criterio a scelta tra alcuni individuati strettamente legati alle caratteristiche del negozio.
Ed inoltre ha proposto di elevare il massimo erogabile a euro 550 per il 2010, euro 600 per il 2011 e euro 650 per il 2012.
L’erogazione proposta sarebbe annuale per il 2010, semestrale per il 2011 e quadrimestrale per il 2012.
Le OOSS e il coordinamento dei delegati hanno fatto presente anche l’insufficienza della proposta dell’entità del premio variabile, mentre consideriamo l’impianto interessante salvo chiarire in che modo i lavoratori possano discutere gli obiettivi e agire su questi.
L’azienda si è riservata di fare ulteriori riflessioni a seguito delle nostre richieste pertanto si è concordato di proseguire il confronto e la trattativa è stata aggiornata a settembre.

A tal fine è fissato il prossimo incontro per VENERDI’ 17 SETTEMBRE 2010, ore 10.30 – Milano

p. La FILCAMS-CGIL La FISASCAT-CISL p. La UILTuCS-UIL
(Lori Carlini/Daria Banchieri) (Mario Piovesan) (Ivana Veronese)