Fiuggi. Ventinove lavoratori licenziati alle Terme, si muove la Regione

29/01/2003


Mercoledì 29 Gennaio 2003

Fiuggi/Annuncio dell’assessore
Ventinove lavoratori licenziati alle Terme, si muove la Regione

di ANTONIO MARIOZZI

I ventinove licenziamenti alle Terme di Fiuggi diventano ora un «caso» regionale. Dopo l’incontro che si è svolto lunedì alla Provincia con i sindacati e l’appello lanciato al governatore Francesco Storace, ieri l’assessore al Bilancio della Regione, Andrea Augello, ha infatti annunciato la convocazione di un vertice per affrontare la vicenda dei lavoratori messi fuori organico dall’azienda "Acqua e Terme". « La Regione – ha detto Augello – ha già assicurato a Cgil, Cisl e Uil la convocazione di un tavolo, al quale avevamo chiamato le parti già otto mesi fa. La soluzione offerta allora dal piano regionale non prevedeva alcun licenziamento. Per questo – ha aggiunto Augello – ascolteremo tutte le parti interessate per comprendere cosa sia successo nel frattempo, in una situazione in cui i principali protagonisti di questa vertenza hanno ritenuto,come era loro diritto, svolgere esclusivamente in sede locale la trattativa». I ventinove operai, che erano stati reintegrati in seguito a cause di lavoro, sono stati licenziati con l’obiettivo di favorire l’ingresso dell’Anticoli, la cordata d’imprenditori del Frusinate ,guidata dal banchiere Giuseppe Zeppieri, che sta per assumere in affitto la gestione degli stabilimenti termali. L’Anticoli, infatti, vuole in organico solo 165 dipendenti per assumere la conduzione delle Terme. L’azienda di viale Anticolana, che è finita in liquidazione, si è vista così costretta a sfoltire il personale per facilitare l’ingresso dell’Anticoli, che entro febbraio dovrebbe prendere in gestione le fonti di Bonifacio e Anticolana., quando dunque mancherà poco più di un mese all’inizio della stagione turistica. Si attende adesso proprio il vertice alla Regione per riavvicinare le parti ( i sindacati hanno espresso molte riserve sul piano di privatizzazione del Comune), cercando di trovare una soluzione per i ventinove operai licenziati. « Siamo soddisfatti dell’iniziativa dell’assessore Augello che è sempre attento alle vicende dell’azienda termale – ha commentato il sindaco di Fiuggi Virginio Bonanni – e contiamo di superare anche gli ultimi ostacoli che ci separano dalla privatizzazione delle Terme. La Regione fin dall’inizio ci ha aiutato a trovare una soluzione e anche in quest’ultima fase conferma tutta la sua attenzione versi i problemi della nostra città ».