Fiuggi. Acqua ai privati, ora si sciopera anche alle Terme

17/01/2002


Mercoledì 16 Gennaio 2002

FIUGGI

Acqua ai privati, ora si sciopera
anche alle Terme: oggi ”sit-in”

Dopo le maestranze dell’imbottigliamento anche i lavoratori delle Terme di Fiuggi hanno scelto la strada della protesta contro il piano di privatizzazione dell’azienda che gestisce la celebre acqua oligominerale. Oggi ,infatti, i dipendenti del comparto termale sciopereranno nelle prime quattro ore di ogni turno, organizzando un sit-in davanti all’ingresso della fonte di Bonifacio in Piazza Frascara. La decisione è stata annunciata dalle Rsu spiegando i motivi che hanno portato ad attuare la forma di lotta. I lavoratori delle Terme più importanti dell’Italia centro-meridionale chiedono di mantenere unita l’ azienda di viale Anticolana evitando la divisione dei settori industriale e termale, sollecitano garanzie sul mantenimento dei livelli occupazionali e seri progetti di sviluppo per rilanciare l’economica della città e del comprensorio. « I dipendenti – si legge in una nota delle Rsu- rigettano il piano-Pinto (dal nome del consulente che lo ha preparato, ndr) così come è stato illustrato alle organizzazioni sindacali e, nella fattispecie, la proposta della società Anticoli ( la cordata d’imprenditori del Frusinate, guidata dal banchiere Giuseppe Zeppieri, che sta per ottenere in affitto la gestione delle Terme,ndr) perché non soddisfa i requisiti di cui sopra ». Le Rsa lanciano quindi un appello al sindaco di Fiuggi Virginio Bonanni per il rilancio dell’azienda di proprietà del Comune: « Il primo cittadino – aggiungono i sindacati- deve assumere un impegno maggiore per determinare una proposta che risponda alle attese dei lavoratori».