FIRMATO DA CISL E UIL E FEDERALBERGHI UN ACCORDO TERRITORIALE SENZA LA CONSULTAZIONE DELLA CGIL

16/06/2009

Firmato da Cisl e Uil e Federalberghi un accordo territoriale senza la consultazione della Cgil

Si allunga la durata del precariato per i dipendenti degli alberghi di Santa Margherita Ligure e Portofino

E’ stato firmato da Cisl, Uil e Federalberghi un accordo territoriale senza che la Cgil ne fosse a conoscenza. Un accordo che tra l’altro allunga la durata del periodo di precariato oltre i 36 mesi definiti a livello nazionale. La legge 247 del 2007 infatti stabilisce il limite (tre anni appunto) entro il quale i precari devono essere stabilizzati. La Filcams della Liguria indignata boccia l’accordo siglato, che condanna il lavoratori ad una lunga precarietà, con l’ulteriore preoccupazione che questo faccia da apripista ad altri accordi territoriali.

“Siamo venuti a conoscenza di questo accordo tramite la stampa locale” racconta Calogero Pepe, segretario regionale Filcams Liguria “pur collaborando con Cisl e Uil in altri settori, non siamo stati invitati al tavolo delle trattative, non sapevamo neanche ce ne fosse uno.”
Un accordo che danneggia i dipendenti degli alberghi di Santa Margherita Ligure e Portofino che scaduti i 36 mesi di attività non vedranno la trasformazione del loro contratto a tempo indeterminato.

“Comprendiamo – prosegue Pepe – le difficoltà aziendali legate alla crisi nel settore e non siamo contrari alle deroghe, ma non senza un regolamentazione, e non senza la consultazione dei lavoratori. Dalla prossima settimana, infatti, organizzeremo eventi e incontri per coinvolgere l’opinione pubblica locale e nazionale e quanti operano nel settore”.