“Fiorani” Così rubavano

15/12/2005
    giovedì 15 dicembre 2005

    Pagina 2 Primo Piano

    Così rubavano

    Dalla direzione generale di Lodi sarebbero partiti ordini diretti alle filiali, con un budget ben preciso.

    Non c’erano se e non c’erano ma. Bisognava obbedire e basta, come ha ammesso più di un funzionario. Quella era la cifra da raggiungere.

    Informazioni raccolte in giro per Lodi, in mezzo a tanti bancari in pausa pranzo, parlano di molti estratti conto conditi con spese di troppo e tanta fantasia.

    La stessa fantasia che ci vuole, nell’aumentare all’improvviso i costi del conto corrente, nell’addebitare spese fittizie come «commissioni di urgenza» o «commissioni telefoniche», «Purtroppo sapevamo di questi ricarichi – ammette un funzionario -. Ciò che non si sapeva era il perché, al di là che tutto ciò andasse ad ingrassare il conto economico, caro a tutte le banche».