Finiper, esito incontro 25/03/2010

Roma, 13 aprile 2010

Testo Unitario

Si è svolto il 25 marzo u.s. a Milano l’incontro con l’azienda Finiper sul diritto di informazioni.

In premessa la direzione aziendale ci ha informato dell’acquisizione della parte azionaria del gruppo in mano a Carrefour determinando con ciò un assetto societario, di totale proprietà italiana.

Il gruppo controllato dalla società finanziaria FINIPER si articola in 3 società: IperMontebello (23 ipermercati), Iper Fiordaliso (Rozzano), Iper Orio (Orio e Pescara) per un totale di 26 punti vendita distribuiti in 7 diverse regioni.

Il fatturato del 2009 ammonta a circa 2 miliardi con una perdita per rispetto al 2008 pari al 5%. I dipendenti del Gruppo risultano essere al 31/12/2009 7.186. L’organico negli ultimi 5 anni è calato di 2.293 persone a parità di punti vendita. Il 94% del personale è impiegato con contratto a tempo indeterminato; il personale part time, che è pari al 50% del totale, ha solitamente contratti di 24 ore orizzontali, dato che secondo l’azienda rappresenta una rigidità in più nella gestione del lavoro domenicale e festivo.

L’azienda denuncia negli ultimi 3 anni un costo del lavoro in crescendo, superiore a suo dire alla media dei concorrenti di pari livello, ciò nonostante la scelta è stata quella di non ridurre il personale con procedure di Cigs e/o mobilità ma si è limitata non sostituire i dipendenti dimissionari o assenti per maternità o malattie lunghe, consapevole di creare anche qualche sofferenza nella gestione dei p.v.

Rispetto alla variegata composizione della contrattazione integrativa, l’azienda conferma il modello attuale che privilegia la contrattazione per singolo P.V. Alla nostra obiezione che intanto unilateralmente disdice i contratti dei P.V., l’azienda ha dichiarato che vuole rinnovare i contratti scaduti tenendo conto dell’attuale contesto economico. Inoltre ha affermato che sta già affrontando ed affronterà la questione sui tavoli territoriali direttamente interessati.

Le OO.SS. hanno proposto all’azienda di condividere tra le parti un impianto nazionale di regole utili anche alla contrattazione dei P.V. sui temi delle relazioni sindacali, formazione del personale , organizzazione del lavoro e sulla salute e sicurezza sul lavoro.

Su questa nostra proposta l’azienda ha manifestato scarso interesse pur offrendo qualche timida apertura.

Le OO.SS. si sono comunque riservate di inviare un elenco di temi sui quali sarebbe utile un’intesa che offra alla contrattazione dei P.V. ed a tutto il gruppo un quadro di riferimento.

                              p. La Ficams Cgil
                              Daria Banchieri