“Finanziaria” Tutti gli impegni per i ceti deboli

19/12/2006
    marted� 19 dicembre 2006

    Pagina 4 – Primo piano

      la manovra

        Sgravi su Irpef, bollette e affitti
        tutti gli impegni per i ceti deboli

          Chi ha redditi da circa 20 mila euro,
          moglie e 2 figli a carico risparmier�
          830 euro. Pi� detrazioni per i precari

          I Comuni potranno esentare i meno
          abbienti dalle addizionali e dalle tasse
          di scopo. Farmaci a prezzi bloccati

          Stanziati cento milioni di euro per i
          non autosufficienti. Gli sconti sui libri
          di testo

            BARBARA ARDU

            ROMA – � stata la Finanziaria della protesta. Sono scesi in piazza notai, commercianti, artigiani, liberi professionisti. Non ha convinto gli industriali n� i professori universitari. E alla fine anche gli operai di Mirafiori hanno storto il naso e a Bologna Prodi � stato fischiato. �� stata comunicata male agli italiani�. � stata questa la prima reazione, tanto che l�Ulivo ha deciso di scendere in 60 piazze italiane per spiegare meglio cosa cambier� con la manovra, ma soprattutto per dimostrare che i pi� poveri, quelli che non arrivano alla fine del mese, che s�indebitano e che hanno famiglie numerose porteranno comunque a casa qualcosa. A chiarirlo � innanzi tutto il primo comma del maxiemendamento. I proventi della lotta all�evasione, chiarisce l�articolo 1, andranno a finanziare s� la riduzione delle tasse, ma soprattutto le necessit� degli incapienti, cio� dei pi� bisognosi. Ma vediamo come vengono trattati i redditi pi� bassi.

            La prima fondamentale differenza � nella riforma Irpef, che, grazie a detrazioni e assegni familiari, premia tutti i dipendenti che hanno un reddito lordo sotto i 40mila euro. A titolo di esempio un dipendente con coniuge e due figli a carico e con un reddito di 22 mila euro, risparmier� 830 euro circa l�anno; e se i figli sono tre, avr� 853 euro in pi� tra assegni e detrazioni. E gli sconti aumentano con pi� di tre figli.

            Ma gli aiuti non sono solo sull�Irpef. Chi ha figli fuori casa per studio potr� detrarre il costo dell�affitto dal reddito. E agli studenti bisognosi verr� assicurato il prestito dei libri nelle scuole dell�obbligo. Redditi bassi favoriti anche sulle bollette di luce, gas e acqua: per quest�ultima � prevista una riduzione del costo del 60 per cento. Benefici anche dal blocco dei prezzi dei farmaci di fascia C (cio� quelli a pagamento). Agevolazioni anche per i pensionati che non se la passano bene. Se rottamano l�auto inquinante in cambio riceveranno una tessera annuale per l�autobus.

            Dagli sgravi alle esenzioni sugli aumenti decisi o resi possibili dalla Finanziaria. Sono esonerati dal pagamento dei ticket sul pronto soccorso (25 euro per i casi meno gravi) tutte le persone sotto i 14 anni e gli anziani sopra i 65 e i loro familiari sotto i 36 mila euro. Esclusi anche i titolari di pensione sociali e al minimo e gli esonerati per invalidit� o patologia. E sulle addizionali Irpef e le tasse di scopo, i Comuni potranno esentare i redditi pi� bassi

            Poi ci sono i precari. Che sperano di essere assunti, almeno quelli della Pubblica amministrazione. Avverr� a scaglioni e i soldi arriveranno dai conti dormienti. Ma gi� dal prossimo anno potranno godere di vantaggi che un tempo si sognavano. Avranno diritto alla malattia, ai congedi parentali, riceveranno un contributo per l�acquisto di un personal computer, e soprattutto per coloro che guadagnano fino a 8mila euro, � prevista una detrazione di 1380 euro.