“Finanziaria” Il bonus arriva solo per i bebè del 2005

11/11/2005
    venerdì 11 novembre 2005

    Pagina 7 Prim0 Piano

    LA FINANZIARIA – ANCORA APERTO IL DIBATTITO SUL MAXIEMENDAMENTO FISCALE. ISTITUITO UN GRATTA E VINCI PER I GIOCHI OLIMPICI INVERNALI DI TORINO

      Il bonus arriva solo per i bebè del 2005

        L’Udc chiede di più, il governo rivede il pacchetto. Tremonti avrebbe minacciato le dimissioni

          Alessandro Barbera

          ROMA
          Il pacchetto famiglia, i tagli imposti, le promesse mancate e sullo sfondo le fibrillazioni sul disegno di legge di riforma del Risparmio. Giulio Tremonti ieri in Consiglio dei ministri si è trovato solo di fronte alle sue responsabilità. «Io a fare una Finanziaria elettorale non ci sto. Dobbiamo rispettare gli impegni con Bruxelles», andava dicendo a tutti. Ma chi più chi meno, quasi tutti i colleghi ministri avevano qualcosa da rimproverargli. I più arrabbiati erano quelli dell’Udc: «O sulla famiglia alla Camera si cambia oppure non votiamo», hanno minacciato i ministri Giovanardi, Baccini e Buttiglione, quest’ultimo ancora insoddisfatto nonostante i cento milioni recuperati per il Fondo unico dello Spettacolo. «Il testo dell’emendamento è stato concordato da tutti i rappresentati della coalizione venerdì scorso», hanno risposto dal Tesoro.

          Oggetto del contendere la decisione di inserire nel maxiemendamento la terza versione riveduta e corretta dei bonus per i bebè: non più mille euro per i secondogeniti del 2005 e tutti i bimbi del 2006, bensì mille per tutti quelli che hanno visto la luce nell’anno in corso, più 160 euro a favore dei nati fra il primo gennaio del 2003 e la fine del 2005. «Una platea troppo vasta e indeterminata», spiegava il sottosegretario Michele Vietti. Gran parte dei centristi vuole concentrare l’aiuto sui neonati come suggerito dalle gerarchie ecclesiastiche e dal Forum delle famiglie. Ma non tutto il partito è d’accordo: «La politica di aiuti non si esaurisce nell’aiuto alla nascita», spiegava Ivo Tarolli reo – raccontano alcune fonti – di aver preso accordi con la maggioranza e non averle comunicate al neosegretario Cesa. Verso sera, a mente fredda, alcuni dei fuochisti hanno comunque vestito i panni dei pompieri. «Non volevo certo polemizzare con Tremonti», garantiva Mario Baccini. «Credo che il testo dell’accordo sia quello a suo tempo garantito dal segretario Cesa». Se si tratti o meno della versione che oggi verrà votata con la fiducia al Senato Baccini se ne è guardato bene dal precisarlo.

          Il pacchetto famiglia ieri non è stata l’unica grana per Tremonti, il quale – raccontano alcune fonti della maggioranza – per l’esasperazione avrebbe persino minacciato le dimissioni. «Macché dimissioni, solo normale dialettica tra ministri risolta con un accordo», dicevano altre fonti. Di certo più d’uno aveva qualcosa da lamentare. O sul metodo con il quale il professore ha presentato i provvedimenti (Calderoli sulla riforma dell’Anas) o sull’entità dei tagli. Da Letizia Moratti a Francesco Storace, ma anche Antonio Martino e Gianfranco Fini. Quest’ultimo lamentava quello subito in extremis in Commissione dal Fondo per i Paesi in via di sviluppo. «Un errore tecnico, i 50 milioni verranno ripristinati», lo ha rassicurato Tremonti. Per Martino invece c’era il problema dei tagli alle Forze Armate. Risposta: 50 milioni di euro in più all’Arma e un «mi spiace, le compatibilità sono queste».

            E così, fra un emendamento che istituiva il Gratta e Vinci per le Olimpiadi di Torino (gettito atteso una ventina di milioni) ed un maxicontributo per gli autotrasportatori, c’è chi è uscito dal Consiglio dei ministri con il sorriso sulle labbra e le lamentele di qualcun’altro. E’ il caso di Roberto Maroni, che ha ottenuto 505 milioni di euro a favore del Fondo per gli ammortizzatori sociali allargato alle imprese agricole che stanno subendo le conseguenze della sindrome aviaria. «Le risorse stanziate sono ampiamente sufficienti. I sindacati non si allarmino».