“Finanziaria” I provvedimenti

04/10/2005
    martedì 4 attobre 2005

    Pagina 2

    I PROVVEDIMENTI – IL LOTTO TUTTI I GIORNI SU INTERNET

      Ai politici andranno
      24 milioni in meno

        Previsti interventi antiscalate per tutelare la proprietà pubblica
        di Eni ed Enel

          ROMA
          A spizzichi e bocconi la Finaziaria si delinea sempre di più. Dal testo depositato ieri in Senato emergono importanti novità a partire dalla somma che il governo intende risparmiare tagliando gli stipendi dei politici: 23,4 milioni di euro.

          TAGLIO INDENNITÀ

            Dal taglio del 10% degli stipendi ai politici lo Stato risparmierà ogni anno 23,4 milioni di euro. In particolare, il taglio comporterà un risparmio pari a 15,6 milioni dai parlamentari, mentre 7,8 milioni è l’ammontare della minore spesa per gli stipendi dei consiglieri delle regioni a statuto ordinario.

            LOTTO ON LINE

              Si introduce un’estrazione giornaliera sulla ruota nazionale. E lo stesso è previsto per l’Enalotto. Si potrà puntare solo attraverso internet, telefoni (fissi e mobili) oppure attraverso la televisione interattiva. Il gettito previsto sarà di 150 milioni di euro l’anno.

              RIDOTTO FONDO FAMIGLIE

                Il fondo per le famiglie viene ridotto a 1,14 miliardi dagli 1,40 inizialmente ipotizzati.

                SCURE DU PRIVATIZZAZIONI

                  Per il completamento del processo di privatizzazione si prevede che le società di interesse nazionale nelle quali lo Stato abbia una partecipazione rilevante che vanno sul mercato possano «emettere strumenti finanziari partecipativi, ovvero creare categorie di azioni, anche a seguito di conversione di parte delle azioni esistenti che attribuiscono all’assemblea speciale dei relativi titolari il diritto di sottoscrivere aumenti di capitale riservati». Fuori dai termini tecnici, significa che ci sarà una protezione contro le scalate e le offerte pubbliche di acquisto società come Eni ed Enel. E’ un provvedimento che potrebbe limitare gli incassi.

                  LA CARTA D’IDENTITÀ ELETTRONICA SI PAGA

                    Chi la riceve dovrà pagare un importo pari almeno alle spese necessarie alla loro produzione e spedizione e «ai costi di tutti servizi connessi».

                    MENO PERSONALE A TEMPO DETERMINATO

                      Si limita il ricorso al personale a tempo determinato con contratti di collaborazione coordinata e continuativa e si istituisce un fondo (20 milioni) per incentivare la mobilità del personale.

                      SICUREZZA PUBBLICA

                        Sono stanziati 87,5 milioni di euro per l’assunzione di 2.500 unità di personale da impiegare direttamente in compiti di ordine e sicurezza. Sono stati inoltre istituiti 2 nuovi fondi con una dotazione di 100 milioni l’uno per il 2006. Il Governo garantirà alla Guardia di Finanza 30 milioni l’anno di finanziamenti (per i prossimi 15 anni) per adeguare le strutture e le dotazioni del corpo.

                        UN FONDO PER I DEBITI

                          L’amministrazione pagherà i debiti: si prevede l’istituzione di un fondo di 570 milioni per estinguere i debiti contratti dalle amministrazioni centrali nei confronti.

                          100 MILIONI PER KYOTO

                            Previsti 100 milioni di euro per l’attuazione delle misure del protocollo di Kyoto per la tutela dell’ambiente.