“Finanziaria” «A far piangere noi ricchi è stato Bersani»

05/10/2006
    gioved� 5 ottobre 2006

    Pagine 7 – Interni

    LA MANOVRA E I PICCOLI INDUSTRIALI: DITO PUNTATO CONTRO IL DECRETO DI LUGLIO

      �Ma quale Finanziaria
      A far piangere noi ricchi � stato Bersani�

      L’imprenditore: si � preso un terzo dei ricavi

        intervista

          Pierangelo Sapegno
          inviato a REGGIO EMILIA

            Lei � ricco? Beh, diciamo che me la cavo. �Ma non lo scriva, a che serve?�. Anche se lo dice Padoa-Schioppa? Anche. Piccolo imprenditore, il 95 per cento dell’Italia che produce. Francesco Aliberti, Emilia profonda, 37 anni, moglie e due figli, da Novellara, Reggio Emilia. Quindici collaboratori, in parte dipendenti, in parte Cocopro, e alcuni a partita Iva. Voto? �Non si dice�. Centrosinistra? Macch�, non si dice. Volume d’affari? Buono, grazie.

              Sentito? I ricchi non si lamentino.

                �Chi lo dice?�.

                  Padoa-Schioppa, il ministro.

                    �Padoa-Schioppa ha detto un mucchio di cose che non abbiamo capito bene. Parla parla, ma lui ha fatto il solletico. I soldi li ha presi a me, che sono un piccolo imprenditore, e al mio dipendente. Un po’ qui e un po’ l�, senza dare niente. Ha fatto una manovra di prelievo e basta, aggiungendoci quella porcheria del Tfr, che penalizzer� tutti e non far� bene a nessuno. La batosta a noi ce l’ha data Bersani, quello s� che � un genio pericoloso. Con la manovra di luglio. E dobbiamo ancora capire come uscirne senza le ossa rotte�.

                      Ma tutto il centrodestra � insorto contro questa Finanziaria, promette di scendere in piazza…

                        �Lasciamo perdere la politica. Guardiamo i fatti. Con questa manovra, ho fatto i calcoli: se io dichiaro centomila euro, devo pagarne 1500 in pi�. Mia moglie � un geometra, metti che ne dichiari 35 mila. Ne dovr� dare 590 in pi�. Come si vede, in proporzione ci rimette chi ne guadagna meno. Invece, Bersani ci ha dato una mazzata vera a noi autonomi, ai liberi professionisti, ai piccoli imprenditori, mica bazzecole. Tutto d’un colpo�.

                          Facciamo un elenco, tanto per capirci. Dov’� che vi ha bastonato?

                            �Cominciamo dall’inizio. L’inasprimento degli studi di settore, questa � gi� una pensata di Bersani. Il meccanismo del reddito minimo delle piccole societ�, cio� che uno non pu� dichiarare meno di quello che ha deciso il governo. L’obbligo di non pagare pi� in contanti il professionista, e poi l’aumento delle aliquote sui trasferimenti immobiliari, colpendo tutti, i furbetti del quartiere ma anche quelli che lavorano seriamente. Queste sono tutte misure che pesano seriamente sui guadagni degli autonomi e dei piccoli imprenditori. Nell’immobiliare, ad esempio, il sistema del dichiarato minimo a rogito non inferiore al valore del mutuo sottoscritto dall’acquirente costa, secondo i miei calcoli, fino a un trenta per cento in pi�, perch� ti costringe a dichiarare, in certi casi, anche incassi che non � detto che tu abbia avuto veramente, per non incorrere nell’automatismo dell’accertamento fiscale, il cui esito pu� essere un terno al lotto. Cio� sono costretto a dichiarare di pi� per non avere la Finanza in casa�.

                              Se uno ha la coscienza a posto perch� dovrebbe temere la Finanza?

                                �Gliela mando a casa sua la Finanza. Cosa c’entra questo? Lei sarebbe contento di trovarseli in casa a rovistare fra le sue cose?�.

                                  Va bene, va bene. Torniamo da Bersani…

                                    �Lui ha fatto un’altra cosa. Una magia contabile, che altro che Tremonti. Visto che lo Stato deve restituire l’Iva indebitamente chiesta alle imprese sulle auto aziendali, ha reso indeducibili i costi delle auto stesse, sostituendo un illecito prelievo con un altro. Posso scaricare l’Iva, ma non posso portare a costo l’auto. A casa mia questo si chiama il gioco delle tre carte. Come se non bastasse, � diminuita notevolmente anche la deducibilit� degli immobili per le imprese. Pure questo contribuisce a far pagare pi� tasse. Alla fine, se uno fa i calcoli, � roba da 30 per cento in meno. Ogni centomila euro, sono 30 mila in meno, non so se mi spiego�.

                                      E Padoa-Schioppa?

                                        �La Finanziaria ha confermato questo impianto, allargando il prelievo a tutti, indiscriminatamente. Per questo fa tanto rumore. Io rientro nella categoria dei piccoli imprenditori. Chi l’ha detto che votano tutti a destra? Nel centro Italia, stanno quasi tutti dall’altra parte. E non sono pochi. Citando Antonio Cornacchione, speravamo di poter dire che chi perde paga le tasse�.

                                          Beh, non � un po’ cos�?

                                            �Ma neanche un po’. Non vedo grandi aiuti al lavoratore dipendente in questa manovra. Prendiamo il prelievo forzoso del Tfr. E’ un grande problema per la piccola impresa. Lo sanno tutti che serviva per finanziarla. Se va all’Inps in gestione, non ne hai pi� la disponibilit�. E con le difficolt� di accesso al credito che hanno i piccoli, questo � un grande handicap per lo sviluppo. Ma � uno svantaggio anche per il lavoratore. Prima, per comprarsi una casa, pagava con un anticipo del Tfr e con il mutuo. In tre giorni aveva l’anticipo. Ve lo immaginate ora con l’Inps? Niente pi� case. E niente pi� soldi per le malattie, che era l’altro grande motivo per chiedere l’anticipo�.

                                              Tiriamo i conti. Un voto al governo?

                                                �La promessa della campagna elettorale era stata: niente aumento delle tasse e diminuzione del costo del lavoro. Invece, hanno fatto come fanno i Paesi in via di sviluppo, che al posto di sovvenzionare tassano. Pi� tasse vuol dire pi� costi, pi� costi vuol dire aumento dei prezzi, e l’aumento dei prezzi vuol dire diminuzione della competitivit�. Il centrosinistra ci ha messo anni a guadagnare la fiducia di una parte della piccola impresa e dei professionisti. Cos� li ha persi in due giorni�.

                                                  Come dire che adesso scenderete tutti in piazza?

                                                    �No, questo no, non facciamo ridere. Cosa faccio? Parcheggio il mio Bmw 3000 in una strada laterale, poi vado in piazza a urlare contro il carovita? Faremmo la gioia di quei giornalisti che ci vogliono prendere per i fondelli�.