FILCAMS CGIL RIMINI DENUNCIA, LAVORO A COTTIMO PER LE PULIZIE DELLE STANZE

18/07/2013

18 luglio 2013

Filcams Cgil Rimini denuncia, lavoro a cottimo per le pulizie delle stanze

Rimini – Si stanno moltiplicando i casi nei quali alle addette al riassetto delle stanze, cameriere ai piani, viene corrisposta solo figurativamente una retribuzione oraria. In realtà l’impresa appaltatrice corrisponde alla cameriera una quota di retribuzione proporzionata al numero di camere pulite.
“Le tariffe, oltre che illegali” spiega Mirco Botteghi della Filcams Cgil di Rimini, “sono da sfruttamento: € 2,00 per ogni stanza sistemata. Nei casi come questi, oltre al recupero delle differenze retributive, i lavoratori devono recuperare un alto differenziale di contribuzione non versata, senza tralasciare poi i rischi per la salute di chi è sottoposto a simili ritmi di lavoro. Inoltre” prosegue il sindacalista, “non denunciare un simile abuso determinerà la certezza di non avere diritto alla, seppur magra, Mini Aspi.”
I lavoratori del turismo che lavorano in queste condizioni possono rivolgersi con fiducia presso le nostre sedi; Filcams Cgil condurrà un’accesa battaglia contro questi abusi e nelle prossime settimane trasmetterà agli enti di vigilanza i casi di "pulizie a cottimo" presenti e noti sul territorio.
“Il rilancio e la valorizzazione dell’economia turistica del nostro territorio devono passare attraverso la qualità, legalità e sicurezza sul lavoro,” conclude Mirco Botteghi “non attraverso lo sfruttamento illegale nell’ambito dell’appalto di servizi.”