Gruppo Feltrinelli, esito incontro verifica Accordo Quadro 14/11/2018

Roma, 21 novembre 2018

Il 14 novembre 2018 si è tenuto presso Confcommercio Nazionale l’incontro con la società Feltrinelli sulla verifica dell’Accordo Quadro sottoscritto a Luglio scorso per la gestione degli esuberi dichiarati.

La responsabile delle Relazioni Sindacali del Gruppo ha riferito di un risultato lusinghiero dell’ applicazione di quanto concordato, definendolo frutto di relazioni sindacali avanzate.

Attraverso gli strumenti concordati , sono stati attivati 8 trasferimenti volontari, mentre altri due verso Rimini e Verona sono in fieri, 5 passaggi triennali a Tempo Parziale a 24 ore settimanali (2 a Padova e 3 a Roma) oltre a 5 definitivi.

Utilizzando la disponibilità a non tenere in conto eccedenze su piazza inferiori ad 1 FTE, risultano assorbiti gli esuberi delle seguenti piazze: Bologna, Veneto, Napoli, Palermo –quest’ultima addirittura potrebbe accogliere altro personale-. Nonostante ampio rimaneggiamento, risultano ancora in sofferenza: le piazza di Roma, complessivamente attestata a + 12,5 FTE, di Genova con + 1,29 FTE e di Bari con + 2,20 FTE.

La maggiore leva di riequilibrio è stata rappresentata dalle uscite incentivate, che hanno condotto al risultato di cui sopra. Andrà meglio approfondita, tuttavia, la tipologia dei lavoratori in uscita, che non sono soltanto persone prossime al pensionamento.

Nello scorcio di tempo che manca alla scadenza dell’accordo, la società si è resa disponibile ad utilizzare lo strumento della triangolazione, accogliendo richieste di uscita incentivata su territori in equilibrio occupazionale, laddove sugli stessi si fosse verificata prima richiesta di mobilità proveniente da territori sovraccarichi.

Risultano ancora fabbisogni attivi sulle seguenti piazze:

Verona: 3 FTE, Pavia: 1FTE, La Spezia 1,5 FTE, Cosenza 2 FTE, Bergamo 1 FTE, Cremona 1FTE, Milano 2FTE, Catania 1FTE, Livorno 0,5 FTE, Palermo 2 FTE, Rimini 1 FTE, Ravenna 1 FTE.

Escludendo scelte unilaterali, per i residui problemi locali andranno individuate specifiche soluzioni ad hoc, attraverso appositi incontri.

La verifica conclusiva è stata fissata al 28 gennaio 2019 a Milano, in concomitanza con l’avvio del confronto sulla piattaforma CIA, che nel frattempo dovrà essere predisposta e poi discussa e votata da delegati e lavoratori.

                              p. Filcams Cgil Nazionale
                                  Concetta Di Francesco