News Filcams

Farmacie: il 18 giugno assemblea online delle lavoratrici e dei lavoratori

17/06/2020
AssembleaFarmacie_big

Il 18 giugno a partire dalle ore 21 si terrà la prima assemblea nazionale online delle lavoratrici e dei lavoratori delle farmacie organizzata dalla Filcams CGIL Nazionale. L’assemblea sarà trasmessa in streaming sul canale youtube della Filcams Cgil www.youtube/FilcamsCgil .

Scarica il programma

In questi ultimi mesi di emergenza sanitaria tutti i lavoratori del settore hanno continuato a lavorare in condizioni difficili per continuare a garantire il servizio territoriale essenziale di dispensazione ai cittadini di farmaci e dispositivi medici e i contratti nazionali delle farmacie sono scaduti da troppo tempo.
Oltre allo scarso riconoscimento economico dell’impegno e del valore dell’attività professionale svolta, anche il livello di tutela dal rischio contagio non è stato uniformemente garantito a chi lavora nelle farmacie. Federfarma nazionale non ha voluto condividere con le Organizzazioni Sindacali un Protocollo di settore su Salute e Sicurezza sul lavoro durante l’epidemia a seguito dei Protocolli generali che il Governo ha poi recepito nei DPCM, nonostante la tempestiva richiesta e l’invio di una proposta unitaria delle OOSS, sebbene l’INAIL abbia classificato nel suo documento tecnico le farmacie come luoghi di lavoro ad alto rischio di contagio degli operatori anche nella cosiddetta fase due.
Dove c’è maggior sindacalizzazione, cioè nelle aziende e in alcune grandi città anche nel contesto delle farmacie private, le strutture sindacali hanno potuto chiedere l’attivazione dei Comitati Covid aziendali o territoriali con l’associazione datoriale, come previsto dal Protocollo del 24 aprile che ha comunque cogenza normativa, e nel corso dell’assemblea racconteranno a che punto sono alcuni di questi percorsi e i risultati ottenuti per la tutela dei lavoratori.
L’Assemblea sarà n momento di confronto e condivisione della struttura Filcams Cgil nazionale coi lavoratori, dopo una fase difficile in cui il settore è stato fortemente provato dall’emergenza sanitaria. Un’occasione per ridefinire le esigenze dei lavoratori da portare avanti nella contrattazione e per cercare la strada per ottenere insieme il rispetto dei diritti e maggiori tutele e riconoscimento professionale, a partire dal rinnovo dei contratti nazionali.