Farmacie: A Codifarma il 49% delle municipali di Grosseto

31/10/2000

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)


Martedì 31 Ottobre 2000
italia – economia
Farmacie: A Codifarma il 49% delle municipali di Grosseto

Misure per gli «energivori»

(NOSTRO SERVIZIO)

FIRENZE Va al distributore italiano Codifarma il 49% della Farmacie comunali riunite Spa, la società (20 miliardi di fatturato, 40 dipendenti) che possiede cinque farmacie di Grosseto e gestisce il punto vendita del vicino Comune di Scansano. L’offerta di Codifarma, pari a 13,5 miliardi, ha superato di oltre due miliardi quella presentata da Alleanza Salute (11,2 miliardi), controllata italiana del colosso britannico della distribuzione di farmaci Alliance Unichem, unico altro concorrente nella gara indetta dal Comune di Grosseto per la cessione del pacchetto di minoranza della società farmaceutica. La tedesca Gehe, già vincitrice delle gare di Bologna e Cremona, che in un primo momento aveva manifestato interesse, ha deciso di non presentarsi quando è stato chiaro che la maggioranza del capitale sarebbe rimasta in mano all’ente locale.

L’offerta soddisfa l’amministrazione comunale di centrodestra, guidata dal sindaco Alessandro Antichi. La valutazione fatta dall’advisor Monte dei Paschi di Siena — al di sotto della quale il Comune non avrebbe proceduto all’aggiudicazione – ammontava infatti a nove miliardi per il 49% del capitale. Questo significa non solo che la valutazione complessiva della società supera abbondatemente i venti miliardi, ma anche che l’aver messo in gara la minoranza del capitale ha drasticamente abbassato il moltiplicatore tra prezzo e fatturato (a Cremona è stato pari a 2,5, a Bologna a 1,8 ma in entrambi i casi il vincitore ha avuto il controllo della società).

«Abbiamo voluto mantenere una posizione strategica nell’azienda — spiega l’assessore alle Privatizzazioni di Grosseto, Luigi Colomba — perché ha un ruolo sociale importante. Il nostro modello farà scuola, tanto che la Cispel si è già mostrata interessata». Proprio in questi giorni, infine, anche Prato darà il via al bando per cedere il 75% della società che riunisce le 13 farmacie comunali (35 miliardi di fatturato ’99 con un utile lordo di 1,6).

Silvia Pieraccini