FALLISCE IL NEGOZIATO SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NELL’ARTIGIANATO

23/11/2009

23 novembre 2009

Fallisce il negoziato sulla previdenza complementare nell’artigianato

È fallito il negoziato sulla previdenza complementare nell’artigianato. Le organizzazioni sindacali unitariamente, avevano proposto di sostenere il rafforzamento della previdenza complementare nell’artigianato rinnovando le modalità di utilizzo del contributo previsto a carico delle imprese.
La proposta di Cgil, Cisl e Uil, prevedeva che le imprese artigiane versassero al fondo pensione complementare Artifond, con cadenza trimestrale, un contributo nella misura pari all’1% della retribuzione lorda, fermo restando la libertà del lavoratore di confermare l’adesione al fondo e le relative modalità ed entità.
Confartigianato, invece ha fatto fallire il confronto negandosi ad ogni tentativo di soluzione di merito.
“La situazione è grave” dichiara la Cgil “la proposta elaborata con CISL e UIL è di grande portata ed utilità per il Fondo dell’artigianato e per tutti i lavoratori dell’area della piccola e media impresa”.
“È indispensabile” prosegue la Cgil in una nota “il coinvolgimento delle istituzioni preposte al sistema, a partire dalla Covip, al fine di individuare le modalità per attivare le soluzioni proposte con il documento unitario”.