ETUI/UNI Europa: migliorare il coodinamento dei CAE

ETUI/UNI EUROPA

Come migliorare la coordinazione sindacale dei comitati aziendali europei
FIRENZE 12-15 FEBBRAIO 2013

Il corso ha visto la partecipazione di funzionari sindacali , di coordinatori dei Comitati Aziendali Europei di alcune multinazionali operanti in Europa, e di delegati sindacali.
Nei CAE partecipano i rappresentanti dei lavoratori di una stessa azienda che opera in stati diversi.
E’ quell’organismo che si rapporta con l’azienda per tutto ciò che riguarda i lavoratori: contratti, accordi, organizzazione del lavoro, sicurezza, salute, ristrutturazioni dell’azienda, ecc; e deve far si che i diritti dei lavoratori di uno Stato siano gli stessi di quelli di un altro Stato.
L’argomento della discussione è stato quindi come migliorare il lavoro dei CAE
Sono state fatte delle simulazioni in aula e abbiamo ascoltato le esperienze di chi tra i partecipanti avesse avuto l’opportunità di operare in un CAE o come coordinatore di esso.
E anche gli inesperti hanno dato le loro opinioni.
I lavori hanno portato ad evidenziare che le cose più importanti sono la formazione e l’informazione.
La formazione per chi sarà membro di un CAE per essere pronti alle sfide lanciate dalle aziende.
L’informazione, da una parte l’acquisizione di dati e notizie da richiedere all’azienda, e dall’altra la divulgazione ai lavoratori,attraverso i rapporti delle riunioni , dei lavori svolti.
E’ importante il coinvolgimento dei sindacati, è importante la partecipazione attiva dei membri dei Cae;
è importante lo scambio di informazioni tra membri di stati diversi per avere un’ampia visione di ciò che fa, che vuole fare l’azienda, al fine di operare per un obiettivo comune, di avere una posizione comune.

Partecipanti: Elisa Fontana – Angelo Gazzè