ETUI – TRADE UNION RENEWAL

AKERSBERGA (SVEZIA) 27/09/2011 – 30/09/2011

Etui – Trade union renewal; incontro per verificare la situazione delle diverse confederazioni europee rispetto alle strategie di rinnovamento e le iniziative per aumentare la rappresentanza.

Nel corso dell’evento si è discusso e ci si è confrontati su quali iniziative i sindacati e le confederazioni di tutta Europa stanno mettendo in campo o stanno progettando per cercare nuovi iscritti, aumentando quindi la propria rappresentanza a livello nazionale, includendo l’offerta di sempre maggiori servizi, a margine della mera azione sindacale, tra le strategie volte all’attirare l’attenzione dei lavoratori e delle lavoratrici europee sulla situazione sindacale e legislativa dei paesi interessati.

Le iniziative messe in campo vanno dalla sempre maggiore apertura ai movimenti studenteschi e giovanili, all’attenzione per le nuove tipologie di lavoratori “precari”, che sono in aumento in tutto il territorio Europeo, con la ricerca di modalità che consentano di rappresentare il più possibile le nuove categorie di lavoratori che stanno emergendo dall’evolversi dell’attuale mercato del lavoro europeo.

Dai dibattiti è emerso che in moltissime realtà europee sta prendendo forma un disegno da parte delle forze di governo per delegittimare sempre più le Organizzazioni Sindacali, facendo passare il messaggio che “iscriversi ad una organizzazione sindacale è sbagliato” Scozia e UK) o operando iniziative legislative che di fatto rendano l’azione sindacale sempre più debole (Italia, Ungheria).

L’Italia ha rappresentato un caso “unico” per quanto riguarda la pesante divisione che c’è tra le principali confederazioni sindacali, in quanto in altri paesi rimangono comunque meccanismi di collaborazione e in alcuni casi (Svezia) le diverse confederazioni rappresentano categorie di lavoratori diverse e non sono quindi in “concorrenza” tra loro.

Occorre quindi coordinarsi sempre più anche a livello europeo per trovare iniziative comuni per contrastare il fenomeno e rendere esigibili le tutele che i lavoratori cercano dalle OO.SS. Alle quali aderiscono.

A cura di:
Luca Chierici – Gaia Stanzani