Esselunga – Esito incontro 16/05/2013

Roma 17 maggio 2013

Oggetto: Esselunga_ Nuovo Incarico Segreteria Nazionale e prossimi appuntamenti.



Il 16 maggio 2013 si è tenuto, presso la Camera del Lavoro di Milano, il Coordinamento Nazionale delle delegate e dei delegati Esselunga.

E’ stato un momento di confronto franco e aperto che ha fatto emergere esperienze anche diverse fra territorio e territorio, ma che ha consentito soprattutto di socializzare costruttivamente problematiche, idee e necessità.

Si è ragionato prioritariamente di se e come riattivare un confronto finalizzato al rinnovo del CIA, essendo il contesto in cui si andrebbe a collocare la trattativa complesso, per il concatenarsi di diversi fattori, tra cui spicca l’imminente avvio del negoziato con Federdistribuzione per la definizione di un nuovo contratto nazionale della DMO.

Se da un lato tutti gli interventi hanno sottolineato la necessità di riprendere un dialogo con una impresa che, pur non avendo disdettato l’attuale CIA, continua scientificamente a sottrarsi a normali dinamiche relazionali con le OOSS, dall’altro a nessuno è sfuggito il rischio di avventurarsi in un percorso problematico, privo di certezze, e che potrebbe assumere connotati fortemente restitutivi, tenuto contro di quanto accaduto nel più ampio panorama delle imprese del settore.
Si è convenuto pertanto di proporre a Fisascat e Uiltucs di chiedere ad Esselunga un incontro in tempi ragionevolmente rapidi per comprendere se vi siano spazi e aperture e quale sia il posizionamento dell’azienda rispetto alle politiche di Federstribuzione.

Su argomenti quali il lavoro domenicale, il premio di risultato, l’orario di lavoro, l’effettiva rappresentatività, i rapporti di forza, si è iniziato una riflessione approfondita che ha fatto emergere diverse sensibilità ma anche spunti innovativi che costituiranno materia di confronto interno e nei luoghi di lavoro.

Altro tema ampiamente dibattuto è stato quello del modello di rappresentanza. Esselunga infatti continua ad opporsi alle procedure di rinnovo della RSU promosse dalla Filcams sostenendo una interpretazione quantomeno opinabile del Protocollo Interconfederale di riferimento.

La Filcams Nazionale ha ribadito la necessità di riaffermare il modello delle Rappresentanze Sindacali Unitarie e di proseguire nei rinnovi seguendo scrupolosamente la procedura prevista, con particolare attenzione ai passaggi di coinvolgimento di Fisascat e Uiltucs.

Qualora Esselunga, al termine dell’iter si opponga al riconoscimento, pur in assenza di motivazioni formali e sostanziali, si effettueranno le necessarie e tempestive verifiche e conseguenti azioni legali.

Infine la Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro.
L’ultima riunione nazionale degli RLS ha capitalizzato il risultato dell’investimento che la Filcams ha prodotto su questa importantissima materia. L’atteggiamento, la preparazione, la maturità degli RLS non hanno permesso all’impresa di affrontare il tema dello Stress da Lavoro con modalità unilaterali e liquidatorie.

Tutti infine hanno sottolineato la necessità di intensificare il raccordo fra diverse strutture per impedire affondi dell’azienda finalizzati a produrre precedenti negativi in materia di contrattazione da esportare nelle altre unità operative.

Il Coordinamento Nazionale si riunirà di nuovo il 3 giugno p.v. per intraprendere il percorso di formazione previsto dal piano di lavoro a suo tempo varato dalla Filcams.
In quella giornata, assieme al Dipartimento Formazione, si mapperanno i fabbisogni che emergeranno direttamente dalle delegate e dai delegati.

.Il Segretario Nazionale
Cristian Sesena