“Esselunga 2″ Pronta una cordata tutta italiana

04/03/2005

    venerdì 54 marzo 2005

    sezione: ECONOMIA ITALIANA – pagina 18

      L’OCCHIO VIGILE DI PALAZZO CHIGI
      Pronta una cordata tutta italiana

      Nelle sedi della politica meneghina rimarcano che il rebus Esselunga stia a cuore all’inquilino di Palazzo Chigi, preoccupato di non perdere l’unico pezzo di « imprenditoria privata italiana » nella grande distribuzione. Tanto che lo studio di un quotato avvocato milanese, fino ad ora impegnato nella valutazione degli aspetti giuridici e strategici di importanti operazioni industriali all’estero, sta elaborando un progetto per scongiurare che mani estere si allunghino sul gioiello lombardo.

      Il piano è in avanzata elaborazione e vedrebbe l’interesse di otto imprenditori del settore, pronti a patecipare a una Newco oppure a una fondazione. A loro potrebbe essere affidata la gestione del core business di Esselunga, mentre la parte immobiliare potrebbe essere affidata a una real estate.


      E proprio l’italianità del progetto, che salvaguarda anche le prerogative che sono alla base dello spirito di Esselunga, ha destato l’interesse di un’organizzazione agricola nazionale e di alcuni fornitori legati al made in Italy alimentare. I fili degli incontri che si succedono nello studio milanese saranno tirati la prossima settimana.


      Per essere pronti se e quando Esselunga andrà sul mercato.


      ( R. Io.)