ESITO INCONTRO MINISTERO ATTIVITA’ PRODUTTIVE DEL 28-09-01

Nota incontro 28-9-01

Ministero Attività Produttive

Si è svolto il 28-09-01 l’incontro tra le OO. SS. Confederali e di categoria Nazionali ed il Ministero delle Attività produttive. L’ incontro convocato dal Ministero stesso aveva all’ordine del giorno gli adempimenti ministeriali in ordine alla legge quadro sul Turismo (135/2001), anche sui temi della situazione di difficoltà esistente nel settore conseguente ai tragici avvenimenti USA.

Le organizzazioni sindacali hanno fatto presente che le difficoltà economiche sono certamente esistenti, ma hanno portata diversa a seconda dei comparti del turismo ed a seconda del rapporto delle diverse aziende con clientela proveniente o diretta verso l’America o il Medio Oriente.

Proprio per questo ritengono le ipotesi di crisi di settore, inadatte tecnicamente, e foriere di una drammatizzazione inutile allo stesso settore, suggerendo invece la necessità di un tavolo immediato tra tutte le parti che esamini tutte le proposte possibili.

Si è ad esempio ricordato che proprio l’art. 7 della legge quadro in esame sottolinea che il turismo come settore “speciale” è finito e che ha perciò gli stessi diritti di tutti i settori economici in quanto a finanziamenti od agevolazioni, inclusi gli ammortizzatori sociali. Si possono in questa chiave ipotizzare interventi urgenti, ma “ ordinari” che diano risposta laddove realmente servono, ma anche a tutte le dimensioni aziendali nonché ai lavoratori precari che sono fortemente presenti nel settore.

Il Ministero ha condiviso l’esigenza di un monitoraggio immediato e la necessità del coinvolgimento di tutte le parti sociali e pur ricordando le competenze di altri Ministeri, si è dichiarato disponibile ad incontri in tempi brevi.

Sulla legge. Il Ministero ha sottolineato che la delega sul Turismo sarà esercitata dallo stesso Ministro. Proprio per sottolineare l’importanza che assume questo settore dell’economia, in generale e per quanto attiene il crescente contributo all’occupazione: si sta perciò lavorando alla predisposizione del DPCM previsto dalla legge per dettare le linee guida. Su specifica domanda il Ministero ha sottolineato che si intende procedere pur non avendo le regioni ritirato i ricorsi presso la corte costituzionale. Regioni con le quali si è svolta una riunione il 3-8-01 definita positiva.

Le linee guida sono ora in fase di costruzione con la creazione di diversi gruppi tematici – standard, professioni turistiche, sistemi locali, demanio etc, chiedendo la presenza sindacale a questi gruppi.

Le OO. SS. hanno aderito alla richiesta sottolineandone la positività ed hanno sottolineato che analogo metodo dovrebbe essere utilizzato a livello delle regioni. Inoltre hanno ricordato l’importanza attribuita ad alcune tematiche, citando al riguardo l’ultima Conferenza Nazionale sul turismo, come per esempio la clausola sociale e quella per lo sviluppo sostenibile, le questioni riguardanti i porti turistici, ed in generale le questioni sulla qualità e le tematiche correlate della formazione e della professionalità.

Il Ministero ha inoltre precisato che delle linee guida non farà parte, almeno per le previsioni attuali, la questione del buono vacanze poiché si ritiene necessario intervenire sulla dotazione che rimane comunque disponibile e ritenuta insufficiente, nonché sulle modalità. Viceversa sarebbero disponibili i fondi di cofinanziamento.

Le Federazioni Nazionali hanno inoltre previsto di chiedere anche un incontro con il Coordinamento delle Regioni turistiche da finalizzare allo sviluppo di un confronto decentrato sul turismo nei vari ambiti territoriali.

CGIL CISL UIL

FILCAMS-CGIL FISASCAT-CISL UILTuCS-UIL