Enti di previdenza, via alle nomine

27/10/2003

ItaliaOggi (Economia e Politica)
Numero
253, pag. 7 del 25/10/2003
di Teresa Pittelli


Il cdm ha approvato gli elenchi dei membri dei consigli di indirizzo e vigilanza di Inps, Inail, Inpdap.

Enti di previdenza, via alle nomine

Appena iniziate le procedure per i componenti della Covip

Nuove nomine agli enti di previdenza. Dopo la denuncia sullo sbando degli enti, commissariati e con gli organi di vigilanza scaduti, partita nei giorni scorsi dall’opposizione (si veda ItaliaOggi del 23 ottobre), il consiglio dei ministri ha approvato i nuovi elenchi dei componenti dei consigli di indirizzo e vigilanza di Inps, Inail e Inpdap. E ha avviato le procedure di nomina dei nuovi componenti della Covip, che però saranno rese definitive nella prossima riunione di palazzo Chigi. Dalle nuove liste dei consigli di indirizzo e vigilanza saranno eletti alla prima riunione i presidenti dei Civ, per i quali i nomi sono però già stati decisi dalle organizzazioni sindacali. Si tratta di Franco Lotito (Uil) alla presidenza del Civ dell’Istituto nazionale di previdenza, di Giovanni Guerisoli (Cisl) alla guida del Civ dell’Istituto assicurativo contro gli infortuni sul lavoro e di Guido Abbadessa (Cgil) per l’organo di vigilanza dell’Inpdap. Ma all’istituto di previdenza dei dipendenti pubblici, da qualche giorno privo di un direttore generale dopo le dimissioni di Andrea Simi, che ha diretto l’ente negli ultimi quattro anni, arriva anche il nuovo direttore. Il commissario straordinario Marco Staderini, infatti, ha nominato Luigi Marchione ´direttore generale facente funzioni’. Marchione è stato d.g. dell’Inadel dal 1993 al 1994 e attualmente ricopre l’incarico di vice direttore generale, responsabile della direzione centrale prestazione di fine servizio e previdenza complementare, e coordinatore di tutte le attività previdenziali dell’Inpdap.

Le nomine non mettono in forse, però, il vertice di governo di lunedì prossimo, in cui palazzo Chigi, insieme al ministro competente, Roberto Maroni, e ai commissari degli enti interessati tenteranno di riempire le poltrone ancora vacanti. E che non sono poche. Il 31 ottobre, infatti, il direttore generale dell’Inps, Antonio Prauscello (peraltro non titolare, ma facente funzione), andrà in pensione.

E un d.g. manca anche all’Inail. Il vertice di lunedì, al quale dovrebbe partecipare il vicepremier Gianfranco Fini, sarà anche l’occasione per una resa dei conti interna alla Cdl, visti i mal di pancia di An che dalla spartizione dei commissariamenti non ha avuto niente. Inps, Inail e Inpdap, infatti, sono attualmente guidati dai commissari Paolo Sassi, già braccio destro del ministro Maroni (Lega), Vincenzo Mungari (in quota Forza Italia) e Staderini (Udc).