Empoli. I sindacati: «Fate lo sciopero della spesa»

16/11/2007
    venerdì 16 novembre 2007

      Pagina 13 – Empoli

        «Fate lo sciopero della spesa»

        Appello dei sindacati ai clienti dei supermercati

          NILO DI MODICA

          SANTA CROCE. Anche il comprensorio del Cuoio sarà interessato dalla protesta indetta congiuntamente dalle organizzazioni sindacali che rappresentano i lavoratori del commercio e aderiscono alle confederazioni Cgil, Cisl e Uil.

            Lo sciopero, che interesserà i negozi e in particolar modo i dipendenti dei grandi centri commerciali, è stato indetto per oggi (per chi lavora su 5 giorni) e per domani 17 novembre (per chi lavora su 6 giorni) per l’intero turno di lavoro.

            Il motivo del contendere è l’abbandono da parte della Confcommercio della trattativa per il rinnovo del contratto nazionale del commercio, scaduto da oltre undici mesi e che, al pari di quelli di altre categorie – compresi i metalmeccanici – si stenta a rinnovare.

            La piattaforma, presentata dai sindacati e considerata troppo onerosa da Confcommercio, prevedeva un aumento di 78 euro da raggiungere in due anni e maggiori garanzie di assunzione per coloro che lavorano con contratti a termine.

            «Non possiamo cedere al ricatto – spiega Michele Orsi, segretario provinciale della Filcams-Cgil – di ipermercati e negozi che già adesso usano esternalizzazioni e appalti di servizi per licenziare e riassumere a condizioni più svantaggiose e degradanti».

            La protesta, che interesserà due milioni di lavoratori a livello nazionale dei quali oltre tremila solo nella nostra zona, non toccherà invece la Coop, con la quale proseguono le trattative per il rinnovo del contratto.

            Oltre a questo le organizzazioni sindacali, che promuoveranno volantinaggi e presìdi di fronte ai maggiori ipermercati, chiedono la solidarietà dei cittadini invitandoli a non recarsi a fare la spesa per tutta la giornata di domani.