Eataly, esito incontro 28/01/2016

Roma, 29 Gennaio 2016

Testo Unitario

In data 28 gennaio 2016 abbiamo incontrato Eataly nell’ambito del confronto finalizzato alla piena realizzazione di quanto previsto dal contratto integrativo aziendale. Di seguito, i punti affrontati e discussi:

Questionario Welfare

La direzione aziendale ha evidenziato come quanto a suo tempo pattuito con le OOSS, non ha trovato il pieno assenso del presidente Andrea Guerra, il quale ha chiesto vengano apportate modifiche. Il questionario, per ragioni di tutela della privacy, dovrà essere affidato ad una società terza e non gestito direttamente da Eataly.

Dovrà inoltre essere utile a misurare in forma anonima il benessere dei dipendenti.

Abbiamo rilevato come la ridiscussione di quanto definito comporti innanzitutto un ritardo nei tempi di applicazione di quanto previsto al capitolo welfare del contratto, ma anche come una eventuale indagine sul clima non possa essere veicolata attraverso uno strumento negoziale definito dalle parti. L’azienda si è impegnata, effettuate le ultime verifiche, a presentarci la versione definitiva del questionario entro la settimana prossima.

Aggiornamenti

Eataly sta attraversando una fase di profondi cambiamenti organizzativi, anche a seguito dei noti ingressi al vertice, che includono tra gli altri, quello di un HR mondo, la quale parteciperà attivamente ai prossimi tavoli sindacali.

Da un punto di vista commerciale nel 2016 saranno effettuati investimenti sulla rete di vendita per 3 milioni di euro; verranno finanziate ristrutturazioni sia nei negozi più datati che in quelli in perdita (Bari e Firenze), inseriti nuovi prodotti e attivate nuove campagne commerciali. Le unità di vendita interessate da interventi saranno, oltre a quelle già citate, (Torino, Pinerolo, Genova, Bologna, Piacenza, Roma).

Essendo possibili chiusure parziali e/o temporanee dei locali abbiamo chiesto vengano attivate tempestivamente tutte le sedi di informazione e confronto a livello territoriale previste dal CIA.

L’azienda ha poi comunicato che ad ogni negozio è stato designato un responsabile che deve anche gestire le relazioni sindacali.

Premio di risultato

Eataly interpreta il sistema premiante in essere come un elemento importante per valorizzare la meritocrazia al suo interno e aumentare la partecipazione degli addetti. Entro giugno 2016 verrà erogato un incentivo secondo parametri pressoché uguali a quelli utilizzati nel 2015; l’importo sarà determinato sulla base della RAL comprensiva di straordinari e dedotti i periodi di malattia breve (carenza) e sarà legato alla presenza. Il requisito di anzianità aziendale per averne diritto è 240 giorni. I negozi di Firenze e Bari percepiranno una quota del 20%.

Pur trattandosi di una erogazione unilaterale abbiamo osservato come assenze "sociali" quali malattia lunga, infortunio, e maternità obbligatoria dovrebbero risultare neutre al fine della determinazione dell’incentivo; su questi temi la direzione aziendale si è dichiarata disponibile, come disponibili sono state Filcams Fisascat e Uiltucs a ricercare modalità condivise per garantire ai lavoratori, anche per quest’anno, i benefici fiscali previsti dalla normativa.

Sul premio di risultato vero e proprio il negoziato è ancora alle fasi iniziali.

L’azienda pare orientata ad utilizzare unicamente parametri economici (budget, fatturato, ebit etc) riferiti agli andamenti economici del gruppo e dei singoli negozi. In questa fase iniziale ci siamo limitati a sottolineare come il nuovo sistema condiviso dovrà offrire garanzie di raggiungibilità degli obbiettivi, che dovranno essere chiari e facilmente comprensibili da tutti, e prevedere cifre adeguate oltre ad un corretto mix fra pesi relativi a tutta l’impresa e pesi riferiti ai singoli negozi.

Abbiamo chiesto di presentarci uno schema da valutare e approfondire corredato di adeguate simulazioni.

Il prossimo incontro si terrà anziché il 25 febbraio 2016 a Roma, il 4 marzo 2016 alle 11.00 presso il negozio di Eataly a Firenze.

p. La Segreteria Filcams Cgil Nazionale

Cristian Sesena