Eataly, esito incontro 27/11/2014

Roma 04-12-2014

Testo Unitario

Il 27 novembre 2014 presso la sede di piazzale Ostiense abbiamo incontrato la direzione di Eataly capeggiata da Oscar Farinetti.
Il fondatore ha illustrato la filosofia aziendale imperniata su tre valori fondanti: creare occupazione, ridare lustro a luoghi dimenticati e promuovere la “bellezza agroalimentare”
L’anno che va concludendosi registra un fatturato positivo in linea con quello del 2013; unica nota stonata l’andamento poco brillante dei negozi di Bari e Firenze. In Italia il mercato resta comunque oscillante e privo di certezze; migliore lo scenario internazionale dove EATALY aprirà a breve nuove strutture a San Paolo, Mosca e New York City.
Lo sviluppo continuerà anche in Italia con le aperture di Forlì, Trieste e Verona. Grande investimento e conseguente carico di aspettative rappresenta EXPO 2015, durante il quale l’azienda gestirà uno spazio di 8000 metri quadrati dedicato alla biodiversità: 21 ristoranti (uno per regione) offriranno ai visitatori la possibilità di conoscere lo straordinario patrimonio enogastronomico e culinario italiano.
Imminente una interessante partership con un Autogrill riguardo ad un locale autostradale ( Secchia Ovest) in cui in sostanza il colosso della ristorazione commerciale di proprietà della famiglia Benetton acquisirebbe e gestirebbe il marchio, inaugurando un format differente dagli attuali (anche nella scelta dei prodotti e quindi dell’offerta alla clientela).
Davvero ambizioso infine il progetto “Fico” che verrà implementato a Bologna assieme a Coop Adriatica e che rappresenterà una sorta di “Disneyland” del cibo: tutti i processi dalla produzione al consumo troveranno cittadinanza. Fico intende essere una attrazione per turisti e visitatori ma pure una rappresentazione delle potenzialità inespresse dei settori agroalimentare ed enogastronomico del nostro paese.
Da un punto di vista occupazionale sono stati forniti i dati che alleghiamo divisi per negozio che fotografano una platea complessiva di 1670 addetti (destinata a crescere) di cui:
873 Tempi Indeterminati
391 Tempi determinati
235 Apprendisti
171 Somministrati
Abbiamo ovviamente apprezzato come Organizzazioni Sindacali il fatto che vi siano imprese che in una fase complicata come quella attuale continuino ad espandersi offrendo opportunità occupazionali soprattutto ai giovani. Nel valorizzare le intese sottoscritte fino ad oggi a livello territoriale, abbiamo altresì proposto per le nuove aperture di effettuare confronti preventivi sull’occupazione e le tipologie di assunzione che possano determinare accordi di avvio in grado di governare con soluzioni condivise le delicate fasi di start up.
Abbiamo evidenziato poi come una azienda che si professa “etica” debba riservare la massima attenzione agli appalti vigilando sul rispetto di norme di legge e contratti di lavoro.
Infine abbiamo sottolineato la opportunità, per un’impresa cresciuta a ritmi vorticosi, di sviluppare un sistema di relazioni sindacali avanzato capace di prodursi in intese.
Eataly si è resa disponibile al percorso prospettato dalle OOSS Nazionali.
Il prossimo incontro si terrà martedi 17 Febbraio 2015 sempre presso la sede di Roma a partire dalle ore 11.00. In questo lasso di tempo, Filcams, Fisascat e Uiltucs imposteranno, con l’adeguato coinvolgimento dei delegati, delle strutture territoriali e dei lavoratori, un insieme organico di rivendicazioni e proposte utile ad un proseguo costruttivo del confronto.

P.Filcams CGIL nazionale
Cristian Sesena