Eataly, Comunicato sindacale 28/10/2015

Comunicato Sindacale

28 ottobre 2015: firmata l’ipotesi per il primo contratto aziendale EATALY

A 10 mesi dall’apertura della trattativa il 28 ottobre è stata siglata l’ipotesi per il primo contratto integrativo aziendale EATALY. Siamo molto soddisfatti per questo risultato che produrrà miglioramenti nella vita quotidiana di quasi duemila lavoratori italiani e per tutti quelli che nei prossimi tre anni verranno assunti da Eataly nel nostro paese.

In sintesi i punti qualificanti dell’intesa:

    ·Viene istituito un compiuto sistema di relazioni sindacali articolato a livello nazionale e di punto di vendita.
    ·Per le nuove aperture Eataly definirà intese preventive con le organizzazioni sindacali per definire gli organici e limitare l’utilizzo di lavoro precario.
    ·Vengono definiti istituti importanti come la salute e sicurezza, l’orario e l’organizzazione del lavoro che saranno costante oggetto di confronto fra le parti.
    ·L’orario settimanale verrà costruito privilegiando le esigenze di conciliazione delle lavoratrici e dei lavoratori e registrerà una programmazione quadrisettimanale
    ·I primi 3 giorni di carenza malattia e infortunio saranno sempre retribuiti.
    ·Nel corso della vigenza si lavorerà su mansioni e livelli di inquadramento; questi ultimi però dalla data della sigla conosceranno subito immediati adeguamenti (passaggio al 6 super per i lavoratori che non eseguono solo mansioni di lavaggio).
    ·In occasione della nascita di un figlio verrà riconosciuto un buono spesa di euro 300, un altro buono (dell’importo di 200 euro) verrà erogato anche in occasione del matrimonio.
    ·Il congedo matrimoniale è esteso alle coppie di fatto eterosessuali ed omosessuali, come pure i permessi per assistenza in caso di gravi motivi e decesso.
    ·L’accordo prevede inoltre l’introduzione di 16 ore di permesso retribuito per l’inserimento dei bambini all’asilo nido e la possibilità di accedere ad una aspettativa in caso di difficoltà a rientrare immediatamente al lavoro dopo una maternità
    ·Il diritto allo studio viene potenziato.
    ·Il diritto a consumare pasti gratuiti confermato.
    ·Vengono inoltre stanziati 300.000 euro nell’arco della vigenza, per iniziative inerenti il benessere e i bisogni delle lavoratrici e dei lavoratori (welfare)che saranno oggetto di una questionario rivolto a tutti gli addetti, in base all’esito del quale le parti definiranno un protocollo di interventi mirati.
    ·Entro sei mesi dalla sigla, Eataly e Organizzazioni Sindacali definiranno un premio annuale su criteri di produttività, qualità e equità a valere dall’anno 2017.
    ·Qualora il contratto nazionale non sia ancora stato rinnovato a settembre 2016 Eataly si è resa disponibile a valutare la possibilità di erogare anticipi sui futuri aumenti

L’ipotesi di accordo verrà sottoposta nelle prossime settimane alla consultazione delle lavoratrici e dei lavoratori di tutti i punti vendita.

FILCAMS CGIL FISASCAT CISLUILTUCS UIL