E nelle scuole McDonald’s diventa Babbo Natale – Il manifesto 9 gennaio 2001

http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/09-Gennaio-2001/art37.htm




Il manifesto 9 gennaio 2001

E nelle scuole McDonald’s diventa Babbo Natale

Pochi se ne sono accorti, ma quest’anno Babbo Natale ha preso le sembianze inquietanti di un hamburger McDonald’s. O meglio, sono gli adulti a non vedere. I nostri bambini, invece, vengono velocemente conquistati dall’ideologia della multinazionale. E questo avviene nelle scuole, con la complicità di Comuni e provveditori.
A Ferrara, la città di Mario Resca, capo della McDonald’s Italia, è capitato che nei giorni precedenti le vacanze natalizie, girasse per le scuole elementari – autorizzato dal provveditore – un volantino che invitava i bambini a recarsi in Piazza Duomo nel giorno della vigilia. Lì sarebbero stati distribuiti, per la felicità di tutti, 1500 pupazzetti. A proporre l’"attività educativa" era l’assessorato al commercio del Comune. Sponsor, manco a dirlo, la McDonald’s.
Ai Verdi – che tra l’altro sono nella maggioranza che guida il Comune – l’iniziativa non è piaciuta e hanno organizzato una contromanifestazione, donando in piazza i tipici "panpapati" ferraresi. "Visto che – dice Leonardo Fiorentini (Verdi) – da due anni si stanno cercando di convertire le mense scolastiche al cibo biologico, non si può scivolare su queste iniziative e proporre ai bambini un’alimentazione a base di hamburger e patatine fritte. Il Comune deve darsi un’etica nell’accettare le sponsorizzazioni. Chi ci assicura, inoltre, che – come è già accaduto alla McDonald’s – quei pupazzi non fossero costruiti in Cina da bambini sfruttati?".
Vulnerabili rispetto agli spot della multinazionale devono essere anche i bambini della scuola elementare di Misterbianco (Catania). Eppure neanche a loro è stato risparmiato il "regalino" di fine anno: all’interno della scuola due giovani travestiti da Mc-pagliacci hanno distribuito tè, cappellini e bandierine con la "emme" dorata.
Un’invasione molto soft. Certamente i bambini sono felici quando ricevono i regali, da qualsiasi parte vengano. E, oggi, McDonald’s è molto in voga tra i più piccoli. Ma il dubbio di alcuni genitori è lecito: è possibile, alle elementari, distinguere tra i contenuti educativi, offerti dalla scuola, e i contenuti pubblicitari, veicolati da questa sorta di gioco-spot?